La guerra Russia-Ucraina può colpire i mercati: 4 rischi

Violetta Silvestri

22/01/2022

22/01/2022 - 12:18

condividi

Un conflitto tra Russia e Ucraina potrebbe scuotere i mercati globali in almeno 4 punti: dalla corsa ai beni rifugio alla pressione su materie prime come gas e petrolio, quale impatto con una guerra?

La guerra Russia-Ucraina può colpire i mercati: 4 rischi

Russia e Ucraina restano in alta tensione, con gli Stati Uniti pronti a intervenire se Mosca compie azioni considerate aggressive o con un evidente obiettivo di invasione.

Lo spettro di una guerra si sta facendo più realistico, nonostante le continue prove di dialogo e compromesso tra i presidenti Biden e Putin.

In caso di conflitto, quali conseguenze ci sarebbero sui mercati globali? Un’analisi, per ipotizzare l’impatto sulle variabili finanziarie a livello globale. Gli ambiti coinvolti sarebbero almeno 4, tutti strategici per gli investitori, la finanza e l’economia mondiale.

1. Beni rifugio

Secondo l’analisi di Reuters, un importante evento di rischio di solito vede gli investitori tornare di corsa alle obbligazioni, che rappresentano gli asset più sicuri e questa volta potrebbe non essere diverso.

Tuttavia, c’è da aggiungere che un’invasione russa dell’Ucraina rischia di aumentare ulteriormente i prezzi del petrolio e quindi l’inflazione.

“Chiaramente se la storia dell’Ucraina dovesse andare storta, ci sarebbe un’offerta piuttosto significativa per i Treasury e la possibilità che il titolo a 10 anni arrivi al 2% sarebbe sospesa”, ha affermato Padhraic Garvey di ING.

Altri beni rifugio sono l’oro, già ai massimi da due mesi, e lo yen, come in evidenza nel grafico Reuters:

Beni rifugio Beni rifugio

2. Mercato del grano

È probabile che qualsiasi interruzione del flusso di grano in uscita dalla regione del Mar Nero abbia un forte impatto sui prezzi e aggiunga ulteriore carburante all’inflazione alimentare in un momento.

Quattro grandi esportatori - Ucraina, Russia, Kazakistan e Romania - spediscono grano dai porti del Mar Nero che potrebbero subire interruzioni a causa di qualsiasi azione militare o sanzione.

Secondo i dati dell’International Grains Council, l’Ucraina sarà il terzo esportatore mondiale di mais nella stagione 2021/22 e il quarto esportatore di grano, mentre la Russia è il primo a livello mondiale.

3. Gas naturale e petrolio

I mercati energetici saranno colpiti se le tensioni si trasformano in conflitto.

L’Europa fa affidamento sulla Russia per circa il 35% del suo gas naturale, proveniente principalmente da gasdotti che attraversano la Bielorussia e la Polonia verso la Germania, il Nord Stream 1 che va direttamente nello Stato tedesco e altri attraverso l’Ucraina.

Nel 2020 i volumi di gas dalla Russia all’Europa sono diminuiti dopo che i blocchi hanno soppresso la domanda e non si sono ripresi completamente lo scorso anno quando i consumi sono aumentati, contribuendo a far salire i prezzi a livelli record.

Come parte delle possibili sanzioni nel caso in cui la Russia invada l’Ucraina, la Germania ha affermato che potrebbe fermare il nuovo gasdotto Nord Stream 2. Questo significherebbe avere ancora meno possibilità di offerta del combustibile per l’Europa.

Anche i mercati petroliferi potrebbero risentirne. JPMorgan ha affermato che le tensioni minacciano un’ulteriore impennata dei prezzi del petrolio.

L’ipotesi è che un aumento a $150 al barile ridurrebbe la crescita del PIL globale a solo lo 0,9% annualizzato nella prima metà dell’anno, mentre l’inflazione toccherebbe il +7,2%.

4. Obbligazioni e valute regionali

Le risorse russe e ucraine saranno in prima linea in tutte le ricadute sui mercati dovute a potenziali azioni militari.

Le obbligazioni in dollari di entrambi i Paesi hanno sottoperformato le loro controparti negli ultimi mesi poiché gli investitori hanno ridotto l’esposizione a causa delle crescenti tensioni tra Washington e Mosca.

I mercati obbligazionari ucraini sono principalmente di competenza degli investitori dei mercati emergenti, mentre la posizione complessiva della Russia sui mercati dei capitali si è ridotta negli ultimi anni a causa di sanzioni e tensioni geopolitiche, attenuando in qualche modo qualsiasi minaccia di contagio attraverso questi canali.

Tuttavia, anche il rublo russo e la grivna ucraina hanno sofferto, rendendole le valute peggiori nell’universo dei mercati emergenti finora quest’anno.

La geopolitica al confine tra Ucraina e Russia ha scatenato “sostanziali incertezze” ai mercati delle valute estere, ha affermato Chris Turner, Global Head of Markets di ING.

“Gli eventi della fine del 2014 ci ricordano i divari di liquidità e l’accaparramento del dollaro USA che hanno portato a un calo sostanziale del rublo in quel momento”, ha affermato Turner.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Selezionati per te