Green pass per ristoranti e trasporti, è ufficiale in Francia: l’annuncio di Macron

Giorgia Bonamoneta

12/07/2021

12/07/2021 - 22:58

condividi

Macron parla ai francesi e chiede una maggiore responsabilità sul vaccino. Con la variante Delta che rappresenta il 50% dei contagi, il Presidente francese ha intensificato le restrizioni.

Green pass per ristoranti e trasporti, è ufficiale in Francia: l'annuncio di Macron

Era nell’aria da giorni e alla fine le previsioni sono diventate concrete: la Francia sta attuando nuove forme di restrizioni per impedire al virus di diffondersi. Nelle ultime ventiquattro ore il numero dei contagi è di 4.256, ma a preoccupare di più sono i ricoveri nelle terapie intensive e l’andamento dei contagi.

Secondo Emmanuel Macron con questo ritmo si rischia di avere una nuova ondata, data dalla ampia penetrazione nel Paese della variante Delta. Il Presidente francese si è allora rivolto alla nazione e in particolare a tutti coloro che non si sono ancora vaccinati. “La vaccinazione di tutti i francesi è l’unica via per un ritorno alla normalità”, ha detto.

La presa di posizione di Macron è scomoda, ma necessaria. Infatti il presidente ha annunciato che la vaccinazione sarà obbligatoria per tutti coloro che lavorano con persone fragili, in particolare il personale sanitario. Non solo, tra gli altri annunci anche una rinnovata stretta agli assembramenti: sarà necessario il pass sanitario per entrare in luoghi pubblici come ristoranti, cinema e musei.

Macron in diretta dall’Eliseo su green pass e vaccini obbligatori

Alle 20 di questa sera il Presidente Emmanuel Macron si è rivolto alla nazione francese per rinnovare l’invito a vaccinarsi. Sono giorni che in Francia si discute su una possibile nuova ondata e per scongiurarla, come nel resto d’Europa, abbiamo tutti una sola opzione: vaccinarsi.

Macron ha annunciato una serie di nuove restrizioni agli assembramenti e alcuni obblighi futuri per determinate categorie. Tra le novità comunicate c’è proprio la vaccinazione obbligatoria per il personale sanitario e per le persone che per lavoro entrano in contatto con i soggetti più fragili. C’è anche una data: entro il 15 settembre il personale sanitario dovrà completare la procedura di vaccinazione, in caso contrario incapperà in sanzioni economiche.

Sempre a settembre è stata posta un ulteriore data essenziale per frenare i contagi: la campagna di vaccinazione per gli studenti. Un cambiamento notevole rispetto al passato è quello sul pass sanitario o green pass. Infatti dal 21 luglio sarà necessario dimostrare di essere negativi tramite il green pass per poter accedere a un qualsiasi evento con più di 50 persone, esenti solo gli under 12.

Per ottenere il green pass, come in Italia, i francesi dovranno completare il ciclo di vaccinazione o fare un test molecolare o rapido per attestare la negatività al virus. Ma un ulteriore novità introdotta da Macron per limitare l’uso dei test in favore di una maggiore vaccinazione è il pagamento di questi. Da ottobre infatti i test molecolari e rapidi, tranne nel caso di prescrizione medica, saranno a pagamento. Il pass sanitario sarà essenziale anche per la stagione estiva per poter viaggiare, salire su un treno o un aereo.

Le disposizioni partiranno dal 21 luglio, con l’obbligo di presentare il green pass in caso di partecipazione a un evento con più di 50 persone o in luoghi solitamente affollati, ma tra pochi giorni ci sarà una grande celebrazione. Macron ha predisposto delle regole specifiche proprio per l’occasione dei festeggiamenti del 14 luglio, festa nazionale che commemora la presa della Bastiglia nel 1789. Sarà obbligatoria la mascherina ed essere muniti di green pass.

Variante Delta al 50%, preoccupazione e rischio nuova ondata

Secondo il Ministro della Salute Olivier Véran ci sono tutti i segnali per temere una nuova ondata di settembre. Sotto consiglio delle autorità scientifiche sono state prese le misure sopra indicate proprio per impedire un nuovo lockdown che sarebbe fatale per l’economia del Paese. “Se non agiamo da oggi il numero di casi continuerà ad aumentare fortemente e darà vita a ricoveri in aumento dal mese di agosto”, ha avvertito Macron in conferenza stampa.

Oggi in Francia sono stati trovati positivi oltre 4000 persone, un numero che dopo i due inverni passati con il virus sembrano bassi, ma come ricorda Véran da 50 a 20.000 è una questione di settimane. Essere impreparati davanti a segnali così evidenti non sarebbe intelligente, continua il Ministro della Salute e ricorda anche lui, durante un’intervista a Radio J, che per superare l’attuale crisi sanitaria bisogna vaccinarsi.

Attualmente la variante Delta rappresenta il 50% dei contagi, ma soprattutto - come ha dimostrato in altri Paesi - la variante colpisce principalmente i giovani dai 14 ai 44 anni che a loro volta possono contagiare chi davvero rischia di entrare in ospedale e in terapia intensiva. Per questo il Presidente ha spinto il piede sull’acceleratore delle restrizioni e della campagna vaccinale.

Argomenti

# Scuola

Iscriviti a Money.it