Google Plus chiude: addio al social meno popolare di sempre

Addio Google+: il social network di Google chiuderà i battenti. Il motivo? È stata trovata un’importante falla di sistema che ha messo a rischio la privacy degli utenti per mesi

Google Plus chiude: addio al social meno popolare di sempre

Google Plus chiude i battenti. Il social network creato da Google si spegnerà dopo solo sette anni di vita. Considerato il social meno popolare di sempre, Google+ va incontro a un amaro destino che non sembrerebbe in apparenza essere legato al disinteresse degli utenti (e dei suoi creatori). Motivo centrale della sua chiusura sembra essere un bug riguardante la sicurezza della privacy dei propri utenti, un tema che in questi giorni sta facendo discutere dopo l’attacco hacker ai danni di 50 milioni di utenti Facebook.

Proprio Facebook sembrava dover guardarsi le spalle quando Google Plus fu presentato per la prima al pubblico di internet, nel 2011. La piattaforma social di Google non ha mai decollato, rimanendo ancorato a una versione iniziale arcaica e ormai superata, atrofizzata negli anni dal balzo in avanti fatto da Facebook, Twitter e persino LinkedIn in termine di popolarità e utility.

Google Plus chiude: ecco perché

All’origine della chiusura di Google Plus, come vi abbiamo accennato, c’è un fatto importante: per tre anni il social network creato da Google avrebbe esposto a un grave pericolo i dati personali di oltre mezzo milioni di iscritti. Una grave mancanza in termini di sicurezza, di cui Google era a conoscenza già da tempo avendo preso provvedimenti lo scorso marzo. Qui sta il grave errore della compagnia di Mountain View: non aver rivelato nulla pubblicamente, per poi essere interrogata sull’argomento dal Wall Street Journal che ha condotto un’inchiesta portando la verità alla luce.

Google si giustifica paventando le migliori intenzioni: secondo diversi tecnici dell’azienda nessun dato sarebbe stato trafugato e nessuno avrebbe approfittato della falla nel sistema. I dati esposti riguarderebbero quelle di condivisione con app di terze parti, estensioni e API trascurate da Google che avrebbero messo in pericolo gli utenti.

Google Plus non ha ancora chiuso, in realtà: la decisione è stata presa dai vertici della grande G ma l’operazione di switch-off si attuerà nei prossimi dieci mesi, con stacco della spina finale previsto per agosto 2019. Google ha promesso che nelle prossime settimane gli utenti, praticamente chiunque dotato di un account Gmail, fornirà informazioni più dettagliate relative non solo alla chiusura, ma anche alle modalità in cui scaricare e mettere al sicuro i propri dati.

Leggi anche: Facebook: account hackerati in vendita sul Dark Web. Cosa fare?

Iscriviti alla newsletter "Tech" per ricevere le news su Google Plus

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.