Goldman lancia l’allarme: PIL Eurozona -9%, ma l’Italia farà ancora peggio

Cristiana Gagliarducci

8 Aprile 2020 - 15:28

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Goldman Sachs sul PIL dell’Italia e dell’Eurozona. Le previsioni degli analisti lasciano senza fiato

Goldman lancia l'allarme: PIL Eurozona -9%, ma l'Italia farà ancora peggio

Secondo Goldman Sachs il PIL dell’Italia e dell’Eurozona in generale sarà drammaticamente colpito dal coronavirus e chiuderà l’anno con segno negativo.

A fine gennaio, quando l’epidemia ha valicato i confini cinesi per diffondersi nel resto del mondo, gli analisti hanno iniziato a tagliare (seppur limitatamente) le proprie previsioni economiche.

Con il passare dei giorni però, e in virtù di un quarto trimestre già archiviato con segno negativo, lo spettro della recessione tecnica del Belpaese si è fatto sempre più concreto, ma le cose sono peggiorate ancora, tanto da portare a teorizzare un vero e proprio tracollo del PIL italiano nel 2020. Per Goldman Sachs la flessione determinata dal coronavirus sarà a doppia cifra percentuale.

PIL Italia: quanto crollerà nel 2020 secondo Goldman

Come un fulmine a ciel sereno gli analisti della banca d’affari hanno rivisto le proprie previsioni economiche sull’intera Eurozona e dunque anche sul Belpaese: secondo Goldman Sachs, il PIL dell’Italia crollerà dell’11,6% nel 2020.

Allo stesso tempo, l’introduzione di nuove misure economiche anti-coronavirus porterà il deficit a schizzare al 10% del Prodotto Interno Lordo nostrano.

Le cose torneranno ad andare bene soltanto nel 2021 quando si concretizzerà l’atteso rimbalzo del 7,9%. Il prossimo anno il PIL d’Italia avanzerà ma la normalizzazione sarà più lenta rispetto a quella di economie quali la Germania e la Francia, che per gli esperti hanno introdotto misure di sostegno fiscale più vigorose.

Non solo Italia: quanto cresceranno gli altri Paesi

Non sarà soltanto il Belpaese a risentire dell’emergenza coronavirus nel corso del 2020 ma l’economia tricolore sarà comunque il fanalino di coda del Vecchio Continente. Per Goldman Sachs, i tassi di crescita dei maggiori Paesi del blocco saranno i seguenti:

  1. Spagna: -9,7%
  2. Germania: -8,9%
  3. Francia: -7,4%
  4. Regno Unito: -7,5%
  5. Eurozona: -9%

Nel caso del blocco, comunque, un peggioramento della situazione potrebbe portare il PIL a crollare di ben 16 punti percentuali.

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories