Germania: economia verso la recessione? Preoccupa la stagnazione del PIL

Il PIL della Germania è in stagnazione nel quarto trimestre 2019. Il coronavirus potrebbe colpire ulteriormente l’industria tedesca, così dipendente dalle esportazioni.

Germania: economia verso la recessione? Preoccupa la stagnazione del PIL

La Germania inaugura il 2020 con un’economia in stagnazione e con l’industria in difficoltà, mostrandosi impreparata ad affrontare la continua incertezza commerciale e la nuova minaccia posta dall’epidemia del coronavirus.

La più grande economia europea è stata colpita da forze molteplici che l’hanno trasformata da un motore di crescita a uno dei Paesi più deboli della zona euro, come confermato dalle recenti stime di crescita per il 2020 della Commissione europea. La crescita tedesca dell’anno scorso è stata solo dello 0,6%.

«Pensiamo che l’economia continuerà a flirtare con la recessione nella prima metà di quest’anno», scrive Andrew Kenningham, analista di Capital Economics. La Germania ha evitato una contrazione nel quarto trimestre, ma l’economia appare ancora debole.

Economia tedesca vicina alla recessione?

Oltre ai fattori globali, il Paese ha dovuto affrontare varie questioni interne, dalle banche in difficoltà alla crisi del settore automotive fino al tentativo di passare abbassare le emissioni di carbonio. Più di recente sono nate delle difficoltà sul fronte politico, con le dimissioni dell’erede al ruolo di cancelliere di Angela Merkel.

La cattiva notizia sta pesando sull’euro, in ribasso contro il dollaro e vicino ai minimi di tre anni (EUR/USD). Il rendimento del debito tedesco a 10 anni rimane bloccato ben al di sotto dello zero.

Nel quarto trimestre, l’economia ha visto un forte rallentamento della spesa pubblica e dei consumi, un calo significativo degli investimenti in macchinari e un calo sul commercio. Il fatto che l’economia sia rimasta stagnante anziché essere entrate in contrazione - e la revisione al rialzo applicata alla crescita del terzo trimestre - dovrebbe riuscire a mettere a tacere le speculazioni per cui la Germania si starebbe avvicinando a una recessione.

Secondi gli economisti di Bloomberg “i sondaggi sulle aziende restituiscono una lettura sul PIL migliore, il che porta a pensare che le prospettive per il 1° trimestre siano un po’ più luminose. Non prevediamo che l’industria peserà sulla crescita tanto quanto nel 4° trimestre e previdiamo che avrà un modesto rimbalzo nel 1° trimestre".

Gli effetti del coronavirus sull’economia della Germania

Ma le nuvole persistono all’orizzonte, nonostante una modesta ripresa mostrata da alcuni report. Se il 2020 avrebbe dovuto essere l’anno della ripresa, una prospettiva ora fortemente in discussione a causa della continua debolezza del settore industriale e delle conseguenze del coronavirus.

Gli affari stanno già avvertendo l’impatto dell’epidemia. Volkswagen è tra le società costrette a chiudere i propri stabilimenti cinesi a causa del virus e di prevedono forti cali nelle vendite di Mercedes Benz.

All’interno delle stime economiche pubblicate questa settimana, la Commissione europea ha definito il coronavirus - che ha ucciso oltre 1.000 persone in Cina - un «rischio ribassista chiave».

Qualsiasi speranza di una ripresa della crescita nel 2020 dipende dalle prestazioni della Cina. Il Dragone Rosso rappresenta un mercato enorme per le aziende tedesche. Al di fuori dell’Unione Europea, la Cina è seconda solo agli Stati Uniti per importanza, con quasi 100 miliardi di euro di vendite all’anno.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su EUR - PIL Germania

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.