La Fed «falco» spinge il selloff delle obbligazioni, in attesa dei verbali

Violetta Silvestri

6 Aprile 2022 - 08:36

condividi

Fed protagonista oggi nei mercati finanziari globali: in attesa della pubblicazione dei verbali dell’ultima riunione della banca centrale, nuovi commenti da falco hanno accelerato il selloff dei bond.

La Fed «falco» spinge il selloff delle obbligazioni, in attesa dei verbali

Una Federal Reserve sempre più aggressiva sta scuotendo il mercato obbligazionario nella giornata di oggi 6 aprile.

La crisi globale dei bond di quest’anno è accelerata dopo che il governatore Fed Lael Brainard ha affermato che la banca centrale probabilmente intensificherà l’inasprimento della politica monetaria riducendo rapidamente i suoi massicci titoli di debito statunitensi.

I titoli del Tesoro hanno prolungato il crollo, spingendo il rendimento a 10 anni oltre il 2,60% al livello più alto dal 2019. Anche le obbligazioni in Australia e Nuova Zelanda sono affondate. L’indice della forza del dollaro era vicino al picco di tre settimane.

Stasera, sono attesi i verbali dell’ultima riunione Fed. L’attenzione a dettagli sui prossimi piani è massima.

Obbligazioni scosse dalla Fed aggressiva

Se c’era qualche domanda sulla posizione della Federal Reserve sulla questione chiave del momento - l’inflazione - due importanti funzionari hanno chiarito il punto martedì 5 aprile.

Il governatore della Fed Lael Brainard e la presidente della Fed di San Francisco Mary Daly hanno entrambi rilasciato commenti che hanno mostrato previsioni su tassi più alti e su un prelievo aggressivo delle attività che la banca centrale sta detenendo nel suo bilancio.

“È di fondamentale importanza abbassare l’inflazione. Il Federal Open Market Committee continuerà a inasprire metodicamente la politica monetaria attraverso una serie di aumenti dei tassi di interesse e iniziando a ridurre il bilancio a un ritmo rapido non appena la nostra riunione di maggio”, ha detto Brainard.

I commenti hanno contribuito a un’apertura debole a Wall Street, che alla fine si è trasformata in una perdita di quasi l′1% per il Dow Jones Industrial Average. I toni più aggressivi della Fed arrivano anche quando il tasso ipotecario fisso a 30 anni ha superato il 5%, una soglia chiave che potrebbe rallentare il mercato immobiliare.

Più tardi nel corso della giornata, Daly ha affermato che l’inflazione al massimo da 40 anni è “dannosa quanto la mancanza di un lavoro”. Ha anche assicurato più volte ai che i tassi di interesse stanno salendo, anche se ha aggiunto che non pensa che ciò causerà una recessione.

La reazione del mercato obbligazionario non si è fatta attendere. Il rendimento dei Treasury a 10 anni di riferimento è salito di sei punti base al 2,60%, riportandolo nei range scambiati nel 2018 e nel 2019. Martedì il rendimento è aumentato di 16 punti base nel suo più grande balzo dal crollo nel marzo 2020. Le obbligazioni australiane sono affondate, con i rendimenti a 10 anni che sono saliti fino a 13 punti base al 2,98%, un livello visto l’ultima volta nel 2015.

Cosa sta succedendo al mercato obbligazionario

Le obbligazioni stanno scendendo in tutto il mondo questa settimana dopo aver completato una serie record di perdite consecutive di otto mesi, chiudendo il più grande calo trimestrale mai registrato dal Bloomberg Global Aggregate.

Gli investitori stanno scaricando i titoli a reddito fisso mentre i responsabili politici si muovono per aumentare i tassi di interesse di fronte ai massimi dell’inflazione.

La pressione di vendita nel mercato obbligazionario statunitense è stata stimolata anche da un rapporto sull’economia del settore dei servizi per marzo, che ha mostrato un rimbalzo dell’occupazione. Lo spostamento verso l’alto dei rendimenti del Tesoro ha contribuito a rafforzare il dollaro Usa con la valuta di riserva che è salita al suo massimo contro lo yen giapponese questo mese.

In questo contesto, i commenti di Brainard puntano i riflettori ancora più saldamente sui verbali della riunione Fed, che dovrebbero fornire indizi sul ritmo sia degli aumenti dei tassi di interesse che del cosiddetto inasprimento quantitativo, il processo di contrazione delle partecipazioni obbligazionarie della banca centrale.

“Il rischio chiave per i mercati azionari mondiali correlati a Wall Street rimane il ciclo di inasprimento della Federal Reserve”, ha scritto in una nota Christopher Wood, responsabile globale della strategia azionaria di Jefferies LLC. L’inasprimento quantitativo insieme agli aumenti dei tassi potrebbe avere un impatto più rapido dati gli attuali livelli di debito, ha affermato.

I mercati segnalano che un rialzo del tasso della Fed di mezzo punto è in programma alla riunione politica del mese prossimo. Allo stesso tempo, le pressioni sui prezzi mostrano pochi segni di attenuazione poiché la guerra alimenta i costi già elevati delle materie prime.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO