Ennio Morricone: patrimonio, eredità e guadagni del compositore

Patrimonio e guadagni di Ennio Morricone: il compositore di colonne sonore più famoso al mondo è scomparso all’età di 91 anni. Ecco cosa lascia in eredità.

Ennio Morricone: patrimonio, eredità e guadagni del compositore

Ennio Morricone ci ha lasciato all’età di 91 anni e con la sua scomparsa il compositore italiano più famoso al mondo lascia in eredità un patrimonio economico, e musicale, tra i più remunerativi del settore.

Fare musica per film: questo il lavoro di Ennio Morricone, una professione quasi atipica ma che ha saputo ridefinire un genere e fare scuola in tutto il mondo. Con più di 60 anni di carriera alle spalle (fatta di premi, brani e colonne sonore diventate dei classici della musica) Morricone ha riscritto il linguaggio cinematografico partendo dalle note dello spartito, imprimendo il proprio talento oltre alla pellicola.

I suoi brani rivivono nei film per cui sono stati composti, negli album e vinili da collezione, nei concerti campioni di incassi da lui stesso diretti (l’ultimo fatto alle terme di Caracalla a Roma a giugno dello scorso anno). Ecco cosa ci ha lasciato.

Ennio Morricone: patrimonio, guadagni ed eredità

Difficile muoversi nell’immensa produzione di Ennio Morricone e individuarne una cifra esatta in grado di riassumere economicamente il patrimonio accumulato dal compositore in sessant’anni di successi.

Una classifica risalente a sei anni fa stilata da Worthly illustrava una top 10 relativa ai compositori più ricchi della storia del cinema: Ennio Morricone si inseriva al secondo posto con un patrimonio netto stimato pari a 215 milioni di dollari. Una cifra considerevole e che potrebbe non essere molto lontano dalla realtà: non dimentichiamo la lunga storia produttiva del Maestro a cui si uniscono le collaborazioni internazionali, i premi, le onorificenze e i concerti in tutto il mondo.

Pesano su questo bilancio i diritti SIAE che, con una storia musicale del genere, avrebbero permesso a Morricone una vita più che agiata senza alzare la penna dallo spartito: in un articolo del 2013 pubblicato dal Corriere della Sera Ennio Morricone risulta accanto a Zucchero nei guadagni derivati dai dividendi dei diritti d’autore, con una cifra stimata all’epoca sopra al milione di euro.

Nonostante questo, Morricone non si è mai fermato: la passione per la musica lo ha portato a vincere il suo primo premio Oscar nel 2016 (dopo il primo dedicato alla carriera nel 2007 e cinque precedenti nomination) per The Hateful Eight di Quentin Tarantino, tre Golden Globe su 8 nomination (l’ultimo sempre nel 2016) e diverse onorificenze tra cui la più recente nel 2017 come Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

I suoi guadagni derivano inoltre dall’immensa produzione sparsa tra album, greatest hits, YouTube (dove le iscrizioni superano i 200 mila iscritti e macinano milioni di visualizzazioni per ogni video), spot (la colonna sonora di Mission è onnipresente nelle pubblicità dell’8xmille per la Chiesa cattolica) e i concerti sempre sold out da cui si era ritirato lo scorso anno.

Ennio Morricone lascia un’eredità culturale unica all’interno della storia della musica italiana, un patrimonio economico che verrà suddiviso tra gli eredi come la moglie Maria Trivia, sposata nel 1956, e i quattro figli nati dalla coppia: Andrea (musicista, unico ad aver seguito le orme del padre), Alessandra, Marco e Giovanni Morricone.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories