Effetto sanzioni su petrolio e gas: prezzi energetici senza freni

Violetta Silvestri

28/02/2022

28/02/2022 - 12:29

condividi

Petrolio e gas festeggiano le nuove sanzioni contro la Russia, aumentando la pressione su prezzi sempre più elevati. L’energia sempre più costosa minaccia l’Europa nel pieno di una guerra incerta.

Effetto sanzioni su petrolio e gas: prezzi energetici senza freni

Gas e petrolio ancora protagonisti della guerra in Ucraina: prezzi energetici avanzano inarrestabili dopo un fine di settimana molto teso e all’insegna di minacce pesanti e sanzioni più gravi contro Mosca.

Nello specifico, Il gas naturale europeo è balzato dopo che un altro round di misure contro la Russia ha alimentato le preoccupazioni per la carenza di energia.

Avanzano anche i prezzi del petrolio, con la novità del di alcune banche russe dal sistema di pagamenti globale che potrebbe causare gravi interruzioni alle sue esportazioni di petrolio.

Dal conflitto tra Russia e Ucraina alla guerra energetica il passaggio è ormai compiuto: gas e greggio guidano la vera minaccia contro l’Europa. Che succede?

Petrolio inarrestabile: fino a quando aumenterà?

Alle ore 11.56 circa, i future sul Brent scambiano a 98,56 dollari al barile, con un balzo del 4,72% e i contratti WTI viaggiano con un aumento del 4,60% a 95,80 dollari al barile.

Entrambe le quotazioni avevano superato i $100 giovedì per la prima volta dal 2014, dopo che la Russia aveva invaso a sorpresa l’Ucraina. Tuttavia, il picco iniziale è stato di breve durata con il WTI e il Brent che si sono ritirati durante la sessione della giornata e negli scambi di venerdì, quando il primo round di sanzioni della Casa Bianca avevav scongiurato di colpire il sistema energetico russo.

A quel punto, i trader pensavano che il mercato fosse fuori dai guai in termini di una grave interruzione dell’offerta, ma c’è stata “una notevole escalation su tutta la linea durante il fine settimana e questo ha riportato un premio di rischio ai prezzi”, secondo Bob McNally, presidente di Rapidan Energy Group.

La decisione di rimuovere alcune banche russe dal sistema di messaggistica interbancario globale Swift sta avendo i suoi effetti.

“Le varie sanzioni bancarie rendono estremamente difficile la vendita di petrolio russo in questo momento”, ha affermato John Kilduff, partner di Again Capital.

Goldman Sachs ha alzato la previsione del prezzo del Brent a un mese a $115 al barile da $ 95 al barile in precedenza stimato.

La banca ha anche allertato che l’unica potenziale risposta dell’offerta a breve termine dovrebbe provenire dall’alleanza OPEC+, che dovrebbe incontrarsi il 2 marzo.

Un aumento della produzione dall’Arabia Saudita e dagli Emirati Arabi Uniti, insieme alla revoca delle sanzioni statunitensi contro l’Iran, potrebbe incrementare le forniture globali giornaliere di 2 milioni di barili nei prossimi mesi e frenare i prezzi.

Attenzione, però: “Il mercato petrolifero è così stretto con i produttori OPEC che lottano davvero per aumentare la produzione, che qualsiasi problema con le forniture russe sarebbe sentito in modo piuttosto significativo in tutto il mercato”, ha affermato Hynes di ANZ.

Gas in agitazione, i prezzi salgono

I futures del gas nel mercato di riferimento europeo sono balzati fino al 36% dopo che le nazioni occidentali hanno accettato di imporre sanzioni più severe. Sebbene escludano l’energia, le nuove sanzioni le nuove sanzioni potrebbero costringere acquirenti e finanziatori a stare alla larga dai flussi russi, mentre si teme che Mosca possa reagire tagliando le forniture.

I futures sul primo mese ad Amsterdam sono aumentati del 19% a 112,55 euro al megawattora alle 10:13 locali e in questo momento viaggiano sui 103 euro. L’equivalente riferimento nel Regno Unito si è impennato del 20% superiore.

L’elettricità tedesca per il prossimo anno, punto di riferimento europeo, è cresciuta fino al 13%.

Intanto, gli acquirenti europei stanno cercando di “svezzarsi” dal gas russo costruendo terminali GNL. Ma i nuovi progetti richiederanno anni per essere operativi. Per ora, il continente rimane profondamente dipendente da Mosca per l’energia, in particolare il gas, e qualsiasi interruzione dei flussi potrebbe rallentare il riempimento degli stoccaggi esauriti in estate e provocare un’altra crisi di approvvigionamento il prossimo anno.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.