La Dacia Sandero è uno dei grandi successi su cui è stata costruita negli ultimi anni la reputazione e la crescita del marchio di origine rumena. Un modello che, allo stato attuale, rappresenta quasi un terzo delle vendite del marchio e che presenta ora una nuova generazione, più completa ed equipaggiata.

La nuova Dacia Sandero e la sua variante Stepway sono adesso più complete che mai

La nuova generazione di Dacia Sandero e la sua versione Stepway, passano attraverso la sua nuova piattaforma CMF-B, che la vettura condividerà con altri modelli dell’Alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi come la Renault Clio o la Nissan Micra, che rappresenta un passo importante per questa compatta, che ora può montare nuove tecnologie di sicurezza e attrezzature migliori.

In questo senso, la nuova Dacia Sandero ora incorpora di serie sei airbag, rispetto ai quattro della generazione precedente, oltre a illuminazione automatica, limitatore di velocità, sistema di chiamata di emergenza eCall o frenata di emergenza automatica. Opzionalmente, la vettura di Dacia può avere un rilevatore di angolo cieco, climatizzatore o sensori di parcheggio anteriori e posteriori con telecamera.

Anche il suo design offre importanti novità. Così, ad esempio, cresce di due centimetri fino a 4.088 metri mentre la sua altezza diminuisce di due cm fino a 1.499 metri alla ricerca di una migliore aerodinamica. Questo non è l’unico cambiamento, poiché la vettura della casa rumena adesso adotta doppi fari a LED a forma di Y, presenti anche nei fanali posteriori, che vengono a simboleggiare la nuova linea di design del marchio.

La versione Stepway, invece, adotta anche le nuove linee di design della Sandero, sebbene con plastiche protettive nei passaruota e una maggiore altezza da terra grazie alla presenza di molle specifiche superiori. Per quanto riguarda la meccanica, la gamma Sandero non avrà varianti diesel e avrà tre motori a benzina e un GPL, tutti tre cilindri. Il primo è un atmosferico SCE da 1 litro e 65 CV, seguito da una versione con lo stesso propulsore e cambio, la cui potenza ammonta a 90 CV.

La versione GPL si chiamerà Tce ECO-G, ed è lo stesso motore turbo ma con 100 CV. Secondo Dacia, grazie ai suoi due serbatoi, uno per la benzina e uno per il GPL, sarà in grado di offrire più di 1.300 km di autonomia. Al momento, il marchio non contempla varianti ibride o elettriche in nessuna delle due varianti.