Coronavirus: Italia rischia (almeno) €19 miliardi. Le Regioni più colpite

Leonardo Pasquali

6 Marzo 2020 - 18:03

condividi

Unioncamere ha analizzato gli scenari economici legati all’emergenza coronavirus in Italia, stimando una perdita del valore aggiunto di 19 miliardi.

Coronavirus: Italia rischia (almeno) €19 miliardi. Le Regioni più colpite

Il coronavirus avanza a ritmi preoccupanti in Italia e gli effetti sull’impianto economico non tarderanno a farsi sentire.

Unioncamere ha provato a mettere nero su bianco l’impatto che l’emergenza avrà nei prossimi mesi sulle Regioni del Paese. Si prospetta una riduzione del valore aggiunto di quasi 19 miliardi di euro.

Impatto del coronavirus sull’economia italiana: 19 miliardi in meno

Le prime stime sugli effetti economici del coronavirus in Italia non fanno ben sperare. Unioncamere, in collaborazione con il Centro studi delle Camere di commercio Guglielmo Tagliacarne, ha provato a dipingere uno scenario per i prossimi mesi.

La notizia più sconfortante è che il Paese subirà una riduzione del valore aggiunto di quasi 19 miliardi di euro su base annua, ovvero l’1,2% in meno rispetto al 2019. L’analisi ha fatto riferimento ai dati raccolti fino al 2 marzo scorso.

Questo lo scenario se l’emergenza dovesse protrarsi fino alla fine del mese di aprile. Se invece dovesse prolungarsi fino a fine giugno, il danno potrebbe ammontare fino a 37 miliardi di euro, con una conseguente riduzione del valore aggiunto del -2,3%.

Gravi conseguenze anche sul fronte turismo e su quello delle esportazioni. L’Italia rischia di bruciare 4 miliardi di VA, un -6,3% su base annua, a causa del calo delle presenze. Questo quanto potrebbe accadere nel primo contesto, nel secondo, invece, si potrebbe registrare una perdita di 7,7 miliardi di euro, ovvero del -12,2%.

Cosa succederà nelle Regioni più colpite

I risvolti economici dell’emergenza coronavirus potrebbero ripercuotersi in maniera più accentuata nelle Regioni maggiormente colpite al momento, ovvero Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna.

Le riduzioni della ricchezza prodotta sono previste in calo all’incirca del 2%. La flessione che potrebbe verificarsi a livello regionale è del -3,9% in Lombardia, del -4,4% in Veneto e del -4,3% in Emilia Romagna. Negli undici comuni compresi nella ‘zona rossa’, secondo quanto rivelato da Unioncamere, se l’emergenza dovesse rimanere sui livelli attuali fino alla fine del mese si registrerebbero perdite di 238 milioni di euro di fatturato e 140 di valore aggiunto.

Fonte: Unioncamere

Intanto, le Camere di commercio hanno intenzione di mettere in campo alcune misure per sostenere imprese e territori. Unioncamere ha messo in piedi una task force all’interno della quale i presidenti delle Camere di commercio di diverse aree del Paese monitoreranno la situazione. Si cercherà quindi di individuare le iniziative più idonee da attuare in tempi brevi per fornire un supporto dei settori interessati.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.