Conti pubblici, la soluzione per l’Italia è una patrimoniale?

Per il governatore della Banca centrale olandese l’Italia dovrebbe pensare a una tassa patrimoniale per risanare i suoi conti

Conti pubblici, la soluzione per l'Italia è una patrimoniale?

Da un lato un debito pubblico molto elevato, dall’altro una ricchezza privata altrettanto considerevole. Per risanare i propri conti e permettere una redistribuzione interna, l’Italia avrebbe la necessità di approvare una tassa patrimoniale. Possibilità esclusa solo qualche settimana fa dal titolare del MEF, Giovanni Tria, e da alcuni membri dell’esecutivo Lega - 5 Stelle.

La ricetta - paventata da più parti - arriva questa volta da Klaas Knot, governatore della Banca d’Olanda e membro del Consiglio di Amministrazione della Bce. Il banchiere affida la propria riflessione a un’intervista al Corriere della Sera, individuando la soluzione “da manuale” che potrebbe risanare i conti del Paese.

La soluzione per l’Italia? Una tassa patrimoniale

“In Italia c’è qualcosa che somiglia a un problema di redistribuzione interna, dato che c’è un debito pubblico così alto e una ricchezza privata che anch’essa è molto elevata”.

Lo ha detto in una intervista al Corriere della Sera Klaas Knot, membro del Consiglio di Amministrazione della Bce. Quella italiana è per il presidente della Banca centrale olandese un’economia dai molti volti che registra problemi nel settore pubblico, ma che ha, al contempo, anche una ricchezza privata invidiabile.

Insieme al Giappone, infatti, l’Italia è il Paese in cui i portafogli dei risparmiatori sono più gonfi rispetto agli altri membri del G7. Anche se l’ultima parola per risanare i conti italiani spetta ai politici locali, Knot suggerisce una soluzione che definisce “standard da libro di testo”: una tassa patrimoniale.

“Ora, le patrimoniali presentano anche svantaggi di arbitraggio e evasione e io non conosco l’economia italiana così bene da poter dire come funzionerebbe e quali sarebbero le conseguenze negative. Dunque evito di consigliare qualunque cosa, non è il mio ruolo.”

A preoccupare l’esponente della Bce, non sarebbe tanto il debito pubblico, che rimane comunque elevato, ma un altro problema che affligge l’Italia da ormai 20 anni. Una crescita quasi pari a zero.

“Praticamente non c’è stata crescita. E il debito sta salendo. Nelle ultime previsioni della Commissione va su, non giù. Questo mi preoccupa, perché dal punto di vista di un banchiere centrale la cosa che temiamo di più è la dominanza dei problemi di bilancio”.

In altre parole, la produttività del Paese risulta stagnante o addirittura nulla, mentre il reddito pro capite in termini reali resta ai livelli del 2000, quando l’Italia fece il suo ingresso nella zona euro.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza

Condividi questo post:

1 commento

foto profilo

Geppo • 4 mesi fa

Mi sembra un gioco sciocco per sciocchi. Ma non avete notato che nel 2001 é arrivato l’euro? E che questo (per giochi maniacali di potere)ci ha fatto perdere del 50 % i nostri valori economici? Non lo so se chi scrive questi articoli é ingenuo o vuole prenderci in giro.
Se oggi siamo alla pari del 2000 é da considerare che abbiamo raddoppiato le nostre produzioni. Perché dal 2000 (entrata euro) eravamo partiti da meno 50%. Quindi per risolvere il problema italiano le cose da fare sono due : o dare valore 1000 all’euro ( e non 1936,27) o raddoppiare stipendi e pensioni. A questo punto le tasse possono essere ridotte di poco perche’ ci saranno abbastanza soldi per pagarle .

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.