Congedo straordinario legge 104 dopo cassa integrazione: quale la retribuzione di riferimento?

Il Congedo straordinario di 24 mesi prevede un’indennità pari all’ultima retribuzione percepita; cosa accade in caso di cassa integrazione?

Congedo straordinario legge 104 dopo cassa integrazione: quale la retribuzione di riferimento?

Il congedo straordinario retribuito, che consente al lavoratore dipendente di assistere per un massimo di 24 mesi un familiare con grave handicap in base alla legge 104, percependo, durante tutto il periodo, un’indennità pari all’ultima retribuzione prima della fruizione stessa. Cosa accade se l’ultima retribuzione è stata erogata con la cassa integrazione?

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno
Chiedo una informazione se possibile , io ho richiesto il congedo straordinario da poco, maggio per esattezza, per assistere mia mamma invalida e il consulente del mio datore di lavoro si sta informando perché la retribuzione prima della domanda era del mese di aprile ,ma ero in cassa integrazione per emergenza Covid.Io mi sono informata da un patronato che mi ha detto che in questo caso si tiene conto della retribuzione antecedente la cassa integrazione, ma il consulente sostiene di no.
Chiedo un terzo parere anche a Voi: di quale retribuzione devono tenere conto ?
Vi ringrazio in anticipo”

Congedo straordinario dopo cassa integrazione

L’indennità spettante per il periodo di congedo straordinario retribuito per assistere familiare con handicap grave è calcolata sull’ultima retribuzione base percepita prima della sospensione del rapporto di lavoro per fruire del beneficio.

Nel suo caso l’ultima retribuzione è falsata, ovviamente, dal fatto che percepiva cassa integrazione e proprio per questo motivo non risulta essere veritiera.

A rispondere al dubbio in questione è il sito dell’INPS, sul quale troviamo scritto che l’indennità spettante in caso di fruizione della cassa integrazione va calcolata con riferimento all’ultima retribuzione percepita, al netto del trattamento integrativo.

Si deve escludere, quindi, il trattamento integrativo di cassa integrazione e, di conseguenza l’indennità va calcolata sull’ultima retribuzione percepita prima del trattamento integrativo in questione.

Lo stesso chiarimento di trova anche nel messaggio INPS numero 027168 del 25.11.2009 in cui si legge chiaramente che «In tal caso l’indennità va calcolata
con riferimento all’ultima retribuzione percepita, al “netto” del trattamento integrativo».

Le allego, per sua maggiore comodità, il file PDF del messaggio INPS in questione, che può mostrare al consulente del lavoro:

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories