Concorso 2.700 diplomati al Ministero della Giustizia: le ultime novità

In attesa del nuovo bando di concorso indetto dal Ministero della Giustizia per assegnare 2700 posti da cancelliere esperto, ecco le novità previste dal decreto Rilancio. Requisiti, inoltro domanda candidati, funzioni e stipendio.

Concorso 2.700 diplomati al Ministero della Giustizia: le ultime novità

Il Ministero della Giustizia bandirà entro Agosto 2020 un nuovo Concorso Cancellieri Esperti per procedere all’assunzione di 2.700 unità da inserire nelle varie sedi presenti sul territorio italiano. L’art. 252 del decreto Rilancio pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 19 maggio riporta indicazioni sullo svolgimento dei Concorsi Ministero Giustizia.

Concorso 2.700 diplomati al Ministero della Giustizia: le ultime novità

Tra i vari concorsi pubblici previsti per il 2020 c’è quello per cancellieri esperti da collocare al Ministero della Giustizia. Quest’ultimo, per assicurare il regolare svolgimento dell’attività giudiziaria, entro novanta giorni dall’entrata in vigore del decreto Rilancio può avviare le procedure già autorizzate per il reclutamento delle 2700 unità. I dettagli non sono ancora né ufficiali né definitivi poiché saranno discussi per essere confermati o modificati dal Parlamento entro 60 giorni.

Il Decreto 7 novembre 2019 ha già stabilito i compiti che i cancellieri esperti sono tenuti ad assolvere:

  • assistenza al magistrato nell’attività istruttoria o nel dibattimento;
  • redazione e sottoscrizione di verbali;
  • rilascio di copie conformi e ricezione di atti in modalità cartacea o telematica.

La retribuzione di un cancelliere esperto è di 1695 euro al mese.

Concorso Cancellieri Esperti 2020: requisiti

I partecipanti al bando di concorso devono aver conseguito il diploma di maturità. Non ci sono limiti d’età per essere ammessi, il decreto Rilancio ha stabilito che per partecipare alla selezione i candidati non devono aver ricevuto sanzioni o note di demerito e avere ii seguenti requisiti.

  • almeno tre anni di servizio nell’Amministrazione giudiziaria
  • almeno un anno nella funzione di magistrato onorario
  • essere stato iscritto all’albo professionale degli avvocati per almeno due anni consecutivi
  • aver svolto, per almeno cinque anni scolastici interi, attività di docente di materie giuridiche nella classe di concorso A-46 Scienze giuridico-economiche (ex 19/A) presso scuole secondarie di II grado (valgono anche le supplenze annuali);
  • almeno cinque anni di servizio nelle forze di polizia ad ordinamento civile o militare, nel ruolo degli ispettori, o nei ruoli superiori.

La domanda di ammissione al Concorso Cancellieri Esperti 2020 deve essere inviata online in seguito alla pubblicazione del bando in Gazzetta Ufficiale. I candidati hanno 30 giorni di tempo e devono individuare anche la Regione di assegnazione.

Il decreto Rilancio ha stabilito che le prove si svolgeranno su base distrettuale, per titoli e prova orale. Ecco i criteri sui cui si baserà l’assegnazione del punteggio ai titoli:

  • anzianità di servizio o iscrizione maturata;
  • votazione relativa al titolo di studio richiesto per l’accesso;
  • eventuali ulteriori titoli accademici universitari o post universitari.

I candidati che hanno svolto un tirocinio presso gli uffici giudiziari con risultati positivi o che hanno maturato titoli di preferenza, possono usufruire di un punteggio maggiore assegnato dall’Amministrazione giudiziaria.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO