Come risparmiare energia: 10 trucchi infallibili

3 Ottobre 2022 - 11:54

13 Ottobre 2022 - 10:56

condividi

La crisi energetica che sta colpendo l’Europa costringe a risparmiare energia: ecco 10 trucchi (più uno bonus) per risparmiare e tagliare i costi in bolletta

Come risparmiare energia: 10 trucchi infallibili

La crisi energetica che sta colpendo l’Europa non risparmia nessuno: consumatori, imprese e famiglie. L’Unione Europea si sta attrezzando per arginarla e il presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, proporrà come target obbligatorio la riduzione del consumo di energia elettrica - un passo verso il razionamento - insieme a misure per incanalare i profitti delle società energetiche verso i consumatori in difficoltà.

Recentemente, inoltre, l’Autorità di regolazione per energia, reti e ambienti (Arera) ha annunciato un ulteriore aumento delle bollette. Nonostante l’intervento dell’autorità garante per evitare una crescita troppo repentina del prezzo dell’energia elettrica, questo è comunque cresciuto del 59% per le famiglie già sottoposte a tutela nel quarto trimestre, una percentuale decisamente importante.

Nonostante la complessità di questo periodo, esistono ancora alcuni semplici trucchi che, nel nostro quotidiano, possono permettere di risparmiare energia. Per ottenere buoni risultati in questo ambito non è necessario compiere «rivoluzioni» nel proprio stile di vita, ma sarà sufficiente seguire questi suggerimenti.

Risparmiare energia: 10 trucchi infallibili

Ecco di seguito i 10 trucchi per risparmiare energia e tagliare così i costi della bolletta:

1. Spegnere le luci e gli apparecchi elettrici quando non vengono utilizzati

Un primo suggerimento utile, per quanto banale, è quello di spegnere luci, riscaldatori, condizionatori e gli elettrodomestici quando si va a letto o si esce di casa. Anche i computer e le apparecchiature come stampanti o router wifi dovrebbero essere spenti durante le ore notturne o mentre non li si utilizza, per evitare di consumare inutilmente energia.

Non è sufficiente nemmeno lasciarli in stand-by. Anche questo stato dovrebbe essere evitato ove possibile, così come lasciare inserita nella presa il caricabatterie dello smartphone o del tablet quando questo non è collegato al dispositivo in questione.

2. Utilizzare lampadine a basso consumo

Utilizzare delle lampadine a basso consumo (a fluorescenza o Led) è il primo passo per risparmiare sulle bollette della luce, visto che consumano meno di quelle a tungsteno o alogene e durano molto più a lungo. È vero che all’acquisto le lampadine costano di più rispetto a quelle normali a incandescenza, ma il recupero dell’investimento è molto più rapido.

Occorre inoltre valutare la lampada giusta per ogni ambiente della casa. Esistono locali, infatti, in cui non servirà un’illuminazione particolarmente forte, ma sarà sufficiente una luce più soffusa (come per esempio in camera da letto).

3. Scegliere elettrodomestici ad alta classe energetica

Molto spesso quando si effettua l’acquisto di un nuovo elettrodomestico si tende a sottovalutare la sua classe energetica in favore di un prezzo più contenuto. È utile, però, investire su un elettrodomestico (come frigorifero, lavastoviglie, lavatrice, climatizzatore, scaldabagno) di classe A, che è sì più costoso alla base, ma con consumi inferiori nel tempo. L’investimento fatto inizialmente verrà quindi ripagato sull’importo mensile da pagare per i consumi energetici.

È importante ricordare che le etichette energetiche sono cambiate: se in precedenza la scala andava da A+++ fino a D, a partire dal 1 marzo 2021 la scala va da A a G.

Questa decisione è stata presa poiché con lo sviluppo della tecnologia si sono di gran lunga superati i parametri pre-esistenti, rendendoli obsoleti. Per fare un esempio una «vecchia» classe A+++ potrebbe oggi trovarsi in categoria C. Aggiornando inoltre le etichette con delle semplici lettere senza simboli, queste sono di più facile interpretazione.

4. Chiudere porte e finestre

Chiudere le porte delle zone che non si sta utilizzando, e raffreddare o riscaldare solo le camere in cui si passa più tempo sono accortezze che sembrano di poco conto, ma che permettono invece un bel risparmio sia nei mesi invernali, che in quelli estivi. Nei mesi più freddi, assicurarsi che le tende o le persiane sigillino correttamente le finestre. Nei mesi più caldi, tenere il sole lontano dalle finestre con ombreggiature esterne o con le tende chiuse durante il giorno, la casa rimarrà più fresca.

5. Sfruttare al meglio la luce naturale

Prestare attenzione agli sprechi di energia elettrica è una delle prime regole. In questo senso un accorgimento da adottare è quello di sfruttare il più possibile la luce naturale del giorno. Soprattutto nei mesi estivi, con le giornate molto più lunghe, è possibile arrivare fino a tardi con la sola luce solare senza avere la necessità di accendere la luce. Un altro prezioso consiglio è quello di posizionare lo scrittoio o la scrivania in prossimità della finestra e tinteggiare le pareti con colori luminosi, che permettano alla luce di propagarsi meglio nell’ambiente.

6. Fare la doccia invece del bagno

Per ridurre i consumi di acqua e di energia, scegliere la doccia al posto della vasca da bagno è una delle soluzioni più immediate. Non tutti sanno che per riempire una vasca da bagno occorrono circa 150 litri d’acqua. Invece per ogni minuto di doccia si consumano circa 15 o 16 litri d’acqua, che si riducono a 9 se si applica un frangigetto, che consente di ridurre il flusso dell’acqua. Naturalmente anche il tempo che si trascorre sotto la doccia può fare la differenza.

7. Gestire meglio il frigorifero

Il frigorifero è tra i pochi elettrodomestici che deve funzionare 24 ore su 24 ed è tra quelli che consuma il maggiore quantitativo di energia. Per non incorrere in ulteriori sprechi bisogna assicurarsi che la temperatura sia tra i 4 e 5 gradi, mentre per il congelatore da meno 15 a meno 18 gradi. Cercare di aprire lo sportello il meno possibile (e non lasciarlo spalancato inutilmente) e non riempirlo troppo perché l’energia richiesta per mantenere tutte le zone ugualmente fredde sarà maggiore.

8. Uso intelligente di lavatrice e lavastoviglie

Anche la lavatrice e la lavastoviglie sono elettrodomestici ad alto consumo, quindi converrebbe utilizzarli in fasce orarie in cui l’energia costa meno, solitamente tra le ore 20 e le ore 8. Utilizzare inoltre un programma di lavaggio idoneo e possibilmente con la funzione Eco. Un ulteriore consiglio riguarda il carico. Non caricare mai all’eccesso la lavatrice o la lavastoviglie, ma nemmeno avviare a carico minimo. In questo modo si eviteranno inutili sprechi o lavaggi superflui.

9. Limitare l’uso del condizionatore

Il condizionatore è diventato ormai indispensabile in ogni casa, soprattutto nelle calde giornate d’estate, ma il suo utilizzo può far schizzare in alto i consumi di energia e quindi anche la bolletta. Per evitare sovraccarichi bisognerebbe utilizzare maggiormente la funzione “deumidificatore”. Durante l’utilizzo bisognerebbe inoltre cercare di mantenerlo a una temperatura non troppo diversa dall’esterno. Uno scarto di 6 gradi massimi è consigliato (o una temperatura non inferiore ai 26° C).

10. Usare poco forno e ferro da stiro

Limitare l’utilizzo di forno e ferro da stiro può aiutare a ridurre i consumi. Per quanto riguarda il forno mantenere la temperatura interna uniforme ed evitare di aprire lo sportello aiuta a contenere gli sprechi. Rispetto a quello tradizionale, il forno a microonde consuma di meno. Per quanto riguarda il ferro da stiro, bisognerebbe limitare al minimo l’utilizzo di questo elettrodomestico magari prestando maggiore attenzione alla fase di stenditura.

Un ultimo trucco bonus è quello di cogliere le offerte nel momento in cui si presentano, poiché investire nel momento adatto può essere un ottimo modo per risparmiare.

Ad esempio, è in arrivo un nuovo evento targato Amazon esclusivo per gli utenti Prime, ossia Offerte esclusive Prime, che si terrà l’11 e il 12 ottobre. Durante questi due giorni sarà possibile acquistare tutta una serie di prodotti con consumi ridotti che permetteranno alle famiglie di risparmiare nel lungo periodo.

Qualora perciò ci sia la necessità di fare un importante investimento per la propria casa è il momento di allacciare le cinture e di prepararsi all’evento, ormai sempre più incombente.

Prova Amazon prime gratis per 30 giorni

Nessun commento

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO