Come prepararsi a una recessione secondo l’esperto

Violetta Silvestri

21 Maggio 2022 - 12:22

condividi

Temuta da più parti, con un occhio attento a Wall Street e alle dinamiche economiche europee, la recessione potrebbe diventare protagonista dei nostri tempi. Cosa fare, come prepararsi per l’esperto.

Come prepararsi a una recessione secondo l'esperto

Ci sarà una recessione negli Usa? L’aumento vertiginoso dell’inflazione e il rapido rialzo dei tassi di interesse hanno preoccupato la maggior parte degli americani che i bei tempi della ripresa post-pandemia saranno di breve durata.

Complici la guerra in Ucraina con il suo sconvolgimento generale, l’avanzata dei prezzi energetici e non solo, il Covid in Cina a ingolfare ancora le catene di approvvigionamento, la parole recessione è tornata protagonista.

Gli Stati Uniti sono osservati speciali, in quanto maggiore economia mondiale e, soprattutto, per via dell’atteggiamento aggressivo della Fed dimostrato finora.

I dubbi sono tutti legati alla capacità o meno di Powell di frenare l’inflazione senza causare danni alla crescita. Mentre Wall Street vacilla e annuncia venti burrascosi, ci sarà davvero una recessione? E come prepararsi a tale scenario negativo?

Recessione in arrivo? Come prepararsi, parla l’esperto

“Avremo una recessione? È abbastanza probabile. È molto difficile fermare l’inflazione senza una recessione”, così si è espresso Larry Harris, Fred V. Keenan Chair in Finance presso la Marshall School of Business della University of Southern California ed ex capo economista della SEC.

Per domare il recente picco inflazionistico, la Federal Reserve ha segnalato che continuerà ad aumentare i tassi di interesse.

Quando i tassi sono alti, i consumatori ottengono un rendimento migliore sui soldi che detengono in un conto bancario, ma devono sborsare di più per ottenere un prestito, il che può indurli a chiederne di meno.

Di fatto, come sottolineato dall’esperti, l’aumento dei tassi di interesse soffoca la spesa aumentando il costo del finanziamento. Ciò lascia meno denaro libero di scorrere attraverso l’economia e la crescita inizia a rallentare.

I timori che le mosse aggressive della Fed possano far precipitare gli Usa nella recessione ha già fatto scivolare i mercati per settimane.

La guerra in Ucraina, che ha contribuito all’aumento dei prezzi del carburante, alla carenza di manodopera e un’altra ondata di infezioni Covid, stanno ponendo ulteriori sfide, ha affermato Harris.

“Sono successe cose enormi nell’economia, è stata affrontata un’enorme spesa pubblica...gli aggiustamenti richiesti adesso sono enormi”, ha detto.

Per questo, la recessione potrebbe essere dietro l’angolo. Preparati a ridurre i budget, ha detto Harris. “Per il consumatore medio, questo significa mangiano fuori meno spesso, sostituire le cose meno frequentemente, viaggiare poco....”

Sebbene l’impatto di una recessione si farà sentire in modo ampio e diffuso, ogni famiglia sperimenterà un simile ritiro in misura diversa, a seconda del proprio reddito, risparmio e situazione finanziaria.

Come comportarsi? Ci sono alcuni modi per prepararsi che sono universali, ha detto Harris. Ecco i tre principali:

Semplifica la tua spesa: taglia alcune uscite già ora, considerando servizi e beni di cui non hai davvero bisogno, come i servizi in abbonamento a cui ti sei registrato durante la pandemia. “Se non lo usi, perdilo”.

Evita i tassi variabili: la maggior parte delle carte di credito ha un tasso percentuale annuo variabile, il che significa che c’è una connessione diretta con il benchmark della Fed, quindi chiunque abbia un saldo vedrà aumentare i propri interessi a ogni mossa della banca centrale. Saranno interessati anche i proprietari di case con mutui a tasso variabile o linee di credito che sono ancorate al tasso primario. Ciò rende questo momento particolarmente favorevole per identificare i prestiti che hai in sospeso e vedere se il rifinanziamento ha senso. “Se c’è un’opportunità di rifinanziare in un tasso fisso, fallo ora prima che i tassi aumentino ulteriormente”, ha detto Harris.

Metti denaro extra I bond: questi asset protetti dall’inflazione, sostenuti dal governo federale, sono quasi privi di rischio e pagano un tasso annuo del 9,62% fino a ottobre, il rendimento più alto mai registrato. Sebbene ci siano limiti di acquisto e non puoi sfruttare il denaro per almeno un anno, otterrai un rendimento molto migliore rispetto a un conto di risparmio o a un certificato di deposito di un anno, che paga meno dell′1,5%.

Iscriviti a Money.it