Codice tributo per imposta di bollo su fattura elettronica: istruzioni per il versamento

L’agenzia delle Entrate con la Risoluzione n. 42/E comunica il codice tributo per il pagamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche, da effettuare con modello F24.

Codice tributo per imposta di bollo su fattura elettronica: istruzioni per il versamento

La Risoluzione n. 42/E dell’Agenzia delle Entrate, pubblicata in data 9 aprile 2019, indica i codici tributo per il pagamento dell’imposta di bollo relativa alle fatture elettroniche emesse a partire dal 1° gennaio 2019.

Secondo quanto previsto dal MEF, il versamento dell’imposta di bollo può essere effettuato sia mediante i servizi telematici disponibili sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate sia mediante i modelli F24 ed F24 Enti pubblici. Il pagamento dell’imposta relativa alle fatture elettroniche emesse in ciascun trimestre solare deve essere effettuato entro il giorno 20 del primo mese successivo.

Di seguito i codici tributo indicati nella Risoluzione e le istruzioni per il versamento dell’imposta di bollo relativo alle fatture elettroniche e non.

Versamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche: i codici tributo

Il versamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche può essere effettuato attraverso il servizio telematico disponibile sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate, accedendo all’area riservata del soggetto passivo Iva, oppure tramite i modelli F24 e F24 Enti pubblici, per i quali la Risoluzione n 42/E indica i seguenti codici tributo:

  • “2521” denominato “Imposta di bollo sulle fatture elettroniche – primo trimestre – art. 6 decreto 17 giugno 2014”;
  • “2522” denominato “Imposta di bollo sulle fatture elettroniche – secondo trimestre – art. 6 decreto 17 giugno 2014”;
  • “2523” denominato “Imposta di bollo sulle fatture elettroniche – terzo trimestre – art. 6 decreto 17 giugno 2014”;
  • “2524” denominato “Imposta di bollo sulle fatture elettroniche – quarto trimestre – art. 6 decreto 17 giugno 2014”;
  • “2525” denominato “Imposta di bollo sulle fatture elettroniche – art. 6 decreto 17 giugno 2014 – SANZIONI”;
  • “2526” denominato “Imposta di bollo sulle fatture elettroniche – art. 6 decreto 17 giugno 2014 – INTERESSI”.

Per la compilazione del modello F24, i suddetti codici tributo sono disponibili nella sezione “Erario” del sito dell’Agenzia delle Entrate, in corrispondenza alle somme indicate nella colonna “Importi a debito versati” e con l’indicazione nel campo “anno di riferimento” dell’anno cui si riferisce il versamento. Invece, per la compilazione del modello “F24 Enti pubblici”, i codici tributo sono esposti in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “Importi a debito versati”.

Versamento dell’imposta di bollo su documenti informatici diversi dalla fattura elettronica: i codici tributo

La Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate contiene anche le indicazioni per il pagamento dell’imposta di bollo relativa a documenti informatici diversi dalla fattura elettronica e per le fatture elettroniche emesse fino al 31/12/2018. In questi casi, i codici tributo per il pagamento dell’imposta di bollo sono:

  • “2501” denominato “Imposta di bollo su libri, registri ed altri documenti rilevanti ai fini tributari – art. 6 decreto 17 giugno 2014”;
  • “2502” denominato “Imposta di bollo su libri, registri ed altri documenti rilevanti ai fini tributari – art. 6 decreto 17 giugno 2014 - SANZIONI”;
  • “2503” denominato “Imposta di bollo su libri, registri ed altri documenti rilevanti ai fini tributari – art. 6 decreto 17 giugno 2014 - INTERESSI”.

Ecco il file pdf con la Risoluzione n. 42/E dell’Agenzia delle Entrate del 9 aprile 2019:

Agenzia delle Entrate, Risoluzione n. 42/E del 9 aprile 2019
Clicca qui per scaricare il file pdf

Iscriviti alla newsletter "Fisco" per ricevere le news su Imposta di bollo

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.