Cina: il mercato affonda dopo il taglio delle riserve

Il mercato azionario cinese in forte sofferenza: la banca centrale ha tagliato le riserve degli istituti di credito aprendo le porte a un vero e proprio sell-off. I motivi della decisione

Cina: il mercato affonda dopo il taglio delle riserve

Pessimo avvio di settimana per la Cina e per il suo mercato azionario, che ha registrato perdite superiori ai 4 punti percentuali con la decisione della banca centrale di tagliare le riserve degli istituti di credito.

Una mossa, quella della People’s Bank of China, necessaria a sostenere l’economia del dragone messa alla prova dalla guerra commerciale in atto con gli Stati Uniti.

Nonostante i buoni propositi, però, il taglio delle riserve operato dalla banca centrale cinese ha avuto un impatto deciso sul mercato azionario, che ha archiviato la prima seduta della settimana con perdite comprese tra i 3 e i 4 punti percentuali.

Cina in sofferenza: cosa è accaduto

Per far fronte ad una guerra commerciale entrata ormai nel vivo e dunque per iniettare maggiore liquidità nel sistema, la banca centrale cinese ha scelto di ridurre il reserve requirement ratio (RRR) ossia l’ammontare di riserve obbligatorie che le banche devono detenere.

Il taglio è in realtà il quarto del 2018. Il mercato, però, non aveva prezzato né la tempistica né l’entità della riduzione ed ha reagito dando vita ad una vera e propria pioggia di vendite.

La reazione dell’azionario (e non solo)

Dopo la chiusura settimanale per la festività del Golden Week, l’azionario cinese ha avviato gli scambi in deciso rosso. Tutti i principali indici del Dragone hanno viaggiato all’insegna della debolezza con uno Shanghai che ha archiviato la settimana a -3,72% e con un Hang Seng a -1,35%.

Il taglio delle riserve delle banche ha avuto un impatto anche sullo yuan che si è deprezzato di quasi mezzo punto percentuale contro il dollaro. La decisione della banca centrale cinese diverrà effettiva a partire dal prossimo 15 ottobre e «svincolerà» 1,2 mila miliardi di yuan, corrispondenti a circa 175 miliardi di dollari.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su PBOC - Banca Centrale della Cina

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.