Btp, quali prospettive per i rendimenti?

Pierandrea Ferrari

21 Maggio 2021 - 15:35

condividi

I rendimenti del Btp a dieci anni si muovono al ribasso rispetto ai picchi di due giorni fa, a quota 1,015%, con spread Btp-Bund in discesa in area 115 punti base. Nelle prossime settimane, secondo gli analisti, potrebbe pesare lo scenario di un mini-tapering della BCE, anche se la policy dell’Eurotower dovrebbe restare accomodante: il punto.

Btp, quali prospettive per i rendimenti?

I rendimenti del Btp a dieci anni viaggiano al ribasso dopo aver toccato i massimi da settembre lo scorso mercoledì. Al momento della scrittura i tassi del benchmark italiano si attestano all’1,015%, contro i massimi mensili all’1,150%, mentre lo spread è in ribasso in area 115 punti base.

Nelle prossime settimane, secondo gli analisti, i mercati potrebbero continuare a dare segni di nervosismo in vista del meeting di giugno della BCE. Tuttavia, la policy dell’Eurotower dovrebbe mantenersi accomodante, mentre le riforme di Draghi potrebbero rafforzare il sentiment positivo degli investitori sul sistema Italia.

Btp, quali prospettive per i rendimenti?

In ogni caso gli occhi rimangono puntati su Francoforte, visto che l’annuncio di un mini-tapering, e cioè un rallentamento degli acquisti di bond sovrani nel quadro del Pepp, il Qe europeo, sembra nell’aria. La BCE potrebbe iniziare a premere il freno già nel terzo trimestre, dopo i miliardi di titoli messi in pancia dall’inizio della pandemia, con i Btp – tra i maggiori beneficiari dei maxi-acquisti dell’Eurotower – esposti in prima fila al parziale dietrofront.

Gli analisti, nonostante si attendano un allargamento dello spread Btp-Bund prima del meeting di giugno, confidano tuttavia che la BCE mantenga uno spirito dovish ancora a lungo dati i trend deboli dell’inflazione, e a calmare le acque ci dovrebbe pensare anche l’esecutivo Draghi, con il programma di riforme – sei attese in undici giorni, dalle semplificazioni burocratiche agli appalti – a fare da schermo alle obbligazioni italiane.

Il recente rialzo dei rendimenti è da inquadrare comunque in una generale traslazione verso l’alto della curva dei tassi dell’Eurozona, tra rischio inflazione e primi spiragli di riapertura dell’economia con il cambio di passo della campagna vaccinale: il Bund, titolo di riferimento in Europa, è in negativo dello 0,139% dopo aver toccato minimi trimestrali a -0,385%.

Argomenti

# Italia
# BTP

Iscriviti a Money.it