Brexit: le quote dei bookmakers

Antonio Atte

23/06/2016

16/10/2017 - 15:05

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Quali sono le quote sulla Brexit dei bookmakers? Nel giorno del decisivo referendum gli scommettitori sono sempre più convinti che la Gran Bretagna resterà nella Ue.

Brexit: le quote dei bookmakers. L’appuntamento decisivo per il futuro dell’Europa è arrivato. Nel giorno in cui i cittadini britannici si recano alle urne per il voto sulla Brexit, gli scommettitori propendono nettamente per la permanenza del Regno Unito nella Ue.

Come dimostrano le ultime quote, infatti, i bookmakers sono sempre più convinti che il matrimonio tra Gran Bretagna e Unione Europea non si interromperà col voto di oggi.

Confortati dagli ultimi sondaggi, che danno il No alla Brexit finalmente in vantaggio dopo un lungo dominio del Sì, i bookmakers continuano a scommettere sull’ipotesi remain, mentre è in corso il cruciale referendum del 23 giugno, dal quale dipenderanno le sorti del sempre più ammaccato sogno europeo.

Brexit: le convinzioni dei bookmakers

La paura dell’ignoto dell’elettorato britannico e i probabili ripensamenti dell’ultimo minuto: questi gli elementi su cui puntano gli allibratori, i quali ostentavano ottimismo anche quando i sondaggi tendevano a dipingere uno scenario tutto a favore della Brexit.

Le ultime quote (che nel sistema inglese sono espresse in frazioni) parlano chiaro.

Brexit: le quote degli scommettitori

PaddyPower.it quota la Brexit a 5, mentre il remain è l’ipotesi favorita in lavagna a 1,14 (fino a qualche giorno fa le puntate erano rispettivamente 2,32 contro 1,52). Simili le cifre fornite da Sky Bet e Bwin. La prima quota la permanenza nella Ue a 1,16 e il divorzio a 4; la seconda dà il remain a 1,11 e il leave a 5.

Interessante poi notare i dati forniti da Graham Sharpe, portavoce di William Hill, la più grande agenzia di scommesse del Regno Unito. Sharpe dice infatti che il 71% degli scommettitori è per la Brexit, mentre il 73% del denaro è contro l’addio alla Ue.

Che cosa vuol dire questo? In buona sostanza sono i piccoli scommettitori a fidarsi dei sondaggi che danno il Sì in netto vantaggio.

Invece, la minoranza che mette più soldi - composta da grandi gruppi di professionisti - non crede all’ipotesi Brexit e decide di scommettere per il remain, confermando quella voce secondo cui hedge funds e banche di investimenti avrebbero commissionato sondaggi riservati più affidabili (e assai più costosi: secondo il Financial Times questo tipo di rilevazioni costa circa 640mila euro), per i quali a prevalere sarà il No (com’era già accaduto per il referendum scozzese sulla permanenza nel Regno Unito).

Brexit: aumenta volume scommesse su William Hill e Betfair

Intanto le puntate crescono e le betting company raccolgono milioni di sterline: William Hill si aspetta fino a stasera un totale di scommesse pari a più di 20 milioni di sterline.

Notevoli anche i volumi su Betfair.com. Fino alle ore 12 del 10 giugno erano stati scambiati 28,7 milioni di euro: di questi, 22,1 milioni sono stati abbinati sulla permanenza del Regno Unito nella Ue.

Brexit: cosa dicono i sondaggi?

Il rilevamento di Comres commissionato da The Independent mostra un avvicinamento dello schieramento del Sì alla Ue a quello del No (rispettivamente al 36 e al 38 per cento).

Opinium per The Observer (il domenicale del Guardian) vede entrambi i fronti appollaiati al 44%, con un 12 per cento di indecisi o probabili astenuti.

Diverso lo scenario dipinto dall’indagine realizzata da YouGov per il Sunday Times, per la quale il remain passa in testa con il 44% dei consensi, leggermente sopra il partito dei favorevoli al divorzio tra Regno Unito e Unione Europea (43%).

Più netto ancora il vantaggio segnalato da Survation, che vede il Sì alla Ue al 45% e i pro-Brexit al 42%.

Argomenti

# Brexit

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.