Brexit: ecco il principale ostacolo per accordo UE-UK secondo la Merkel

Riccardo Lozzi

9 Dicembre 2020 - 17:16

condividi
Facebook
twitter whatsapp

In vista dell’incontro di questa sera tra Boris Johnson e Ursula von der Leyen, la Merkel ha rivelato che il principale ostacolo per l’accordo tra UE e UK è la “evolution clause”.

Brexit: ecco il principale ostacolo per accordo UE-UK secondo la Merkel

In seguito alle difficoltà nel trovare un accordo in vista della Brexit, Boris Johnson questa sera incontrerà a Bruxelles Ursula von der Leyen per una cena in cui si discuterà di una possibile intesa da siglare entro il 31 dicembre.

Secondo alcune indiscrezioni, al momento l’ipotesi più probabile sarebbe quella di un no-deal tra UE e UK, con le parti giunte ad una vera e propria impasse sui negoziati.

Intanto Angela Merkel, in un intervento alla Bundestag prima del Consiglio europeo del 10-11 dicembre, ha affermato che esiste ancora la possibilità di trovare una soluzione che accontenti entrambi, ma il principale ostacolo riguarda la “evolution clause” o, come viene chiamata dal Governo britannico, la “ratchet clause”.

Cos’è la “evolution clause”, il principale ostacolo per l’accordo UE-UK

Si tratta di una clausola in grado di istituire un meccanismo che tuteli le due parti in caso in una di esse venissero alzati gli standard di tutela ambientale, sociale e lavorativa, non permettendo all’altra di approfittarne.

Quindi, in caso l’Unione Europea attivasse delle norme in grado di garantire una maggiore sicurezza sociale ed economica, le quali potrebbero causare un aumento dei costi per le imprese pubbliche e private, il Regno Unito dovrà adeguarsi ad esse uniformando le proprie regole interne.

Uno scenario non gradito a Boris Johnson e al suo esecutivo, il quale si dice d’accordo nell’armonizzare il sistema in vigore attualmente, per poi esercitare la propria sovranità nazionale su queste tematiche.

L’intervento della Merkel sulla Brexit

Merkel ha quindi ribadito come sia fondamentale un trattato del genere, poiché, in caso contrario, ci si potrebbe trovare nel prossimo futuro in una condizione di concorrenza sleale verso le aziende del blocco comunitario.

Nonostante ci siano ancora delle divergenze anche sul diritto di pesca, l’evolution clause è il vero problema da superare nelle negoziazioni che si chiuderanno, con o senza accordo, al termine di questo mese.

Incontro a Bruxelles tra Boris Johnson e Ursula von der Leyen

Questo sarà l’argomento principale nell’incontro tra il primo ministro inglese e la presidente della Commissione europea di stasera, per il quale resta comunque forte il pessimismo da parte di diversi esponenti dei due fronti.

Uno dei pochi a mantenere un atteggiamento fiducioso è Michael Gove membro del Gabinetto di Johnson, il quale ha manifestato ai microfoni di Times Radio la speranza di una svolta positiva grazie al colloquio a quattrocchi tra i due leader.

In caso contrario, come dichiarato dalla stessa Angela Merkel, i Paesi europei proseguiranno per la loro strada e saranno pronti a fare i conti con il no-deal, poiché l’obiettivo principale è quello di garantire l’integrità del mercato unico.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories