Borsa Italiana: il trend dell’indice FTSE Mib è ingabbiato

In questi casi è meglio non anticipare gli ingressi ma attendere la fuoriuscita dei prezzi dall’attuale fase di stallo per poi prendere posizione in accordo col trend che si andrà a sviluppare

Borsa Italiana: il trend dell'indice FTSE Mib è ingabbiato

Le ultime settimane di Borsa hanno lasciato il segno su Piazza Affari. L’indice guida del mercato, il FTSE Mib, ha preso respiro solamente nelle ultime 2-3 sedute ma la strada per il recupero dei massimi dello scorso mese e poi ancora quelli segnati in primavera è ancora lunga.

Per Pietro Di Lorenzo, storico organizzatore di Investing Roma di cui Money.it è media partner, i corsi dell’indice principale stanno provando a trovare una base da cui ripartire. Vediamo come potrebbe farlo e quali scenari si aprirebbero in tal caso attraverso un commento rilasciato in esclusiva per Money.it dall’esperto.

Commento a cura di Pietro Di Lorenzo

L’indice FTSE Mib è ingabbiato da 16 sedute fra area 20.250 e 20.900 punti: dopo il sell off delle prime 3 settimane di agosto i prezzi stanno provando a trovare una base da cui ripartire.

Dire se il movimento attuale è una fase di accumulazione (ovvero fare che anticipa un rialzo) o distribuzione (ossia prodromico allo sviluppo di una nuova gamba ribassista) è difficile.

L’impressione è che siamo in una fase di stallo fra acquirenti e venditori in attesa della divulgazione del DEF (il Documento di Economia e Finanza) ovvero l’atto, che arriverà entro il 27 settembre prossimo, all’interno del quale vengono indicate tutte le politiche economiche e finanziarie decise dal Governo.


Fonte: VisualTrader

I mercati attendono di conoscere la linea che deciderà di prendere il Governo Conte. Gli investitori saranno rasserenati da un atteggiamento prudente (con una manovra che tenga il livello deficit/Pil sotto il 2% nel 2019) mentre sono pronti a innescare un nuovo flusso di vendite (in particolare sui titoli di Stato italiani, con il relativo allargamento dello spread con il Bund) qualora si decida di adottare una linea meno rigorista con un deficit intorno al 3%.

In questo caso è probabile un abbassamento del giudizio delle agenzie di Rating sull’Italia, rendendo il costo del rifinanziamento del debito pubblico ancora più oneroso.

Operativamente solo la fuoriuscita dei corsi dal box 20.250 - 20.900 punti può innescare un ritorno della direzionalità e della volatilità: dunque potrebbe essere prudente non anticipare gli ingressi ma attendere la fuoriuscita dei prezzi dal rettangolo per prendere posizione in accordo col trend che si andrà a sviluppare.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Borsa Italiana

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Ufficio Studi Money.it -

Borsa Italiana: i fondi shortano titolo Juventus, attenzione

Borsa Italiana: i fondi shortano titolo Juventus, attenzione

Commenta

Condividi

Ufficio Studi Money.it -

Analisi tecnica: azioni Generali superano la resistenza a 15,24 euro, scatta il long

Analisi tecnica: azioni Generali superano la resistenza a 15,24 euro, scatta il long

Commenta

Condividi

Ufficio Studi Money.it -

Analisi azioni: a Piazza Affari su Poste Italiane scatta il buy, come operare?

Analisi azioni: a Piazza Affari su Poste Italiane scatta il buy, come operare?

Commenta

Condividi