Bolla speculativa: cos’è? Definizione, cause e conseguenze dello scoppio

Bolla speculativa: cos’è? Significato, definizione, cause e conseguenze dello scoppio sui mercati internazionali. Una guida completa.

La definizione di bolla speculativa si riferisce ad una particolare fase di mercato in cui si assiste ad un aumento considerevole ma soprattutto ingiustificato dei prezzi che che ha tra le cause un aumento a dismisura della domanda in un breve lasso di tempo. Quali conseguenze ha?

Se il significato di bolla speculativa è riferito ai prezzi di uno o più beni, sarà utile di seguito capire quali sono le sue cause, i motivi scatenanti, ma soprattutto le conseguenze dello scoppio della stessa bolla speculativa.

Definizione e significato

La definizione e il significato di bolla speculativa si riferiscono in via preliminare ai prezzi dei beni sul mercato. Nel momento in cui siamo in grado di osservare un aumento estremo di questi prezzi, un aumento definito ingiustificato, allora potremmo trovarci di fronte alle cause di una bolla speculativa.

Proprio questa definizione ha portato molti analisti ad identificare nel Bitcoin una prossima bolla pronta allo scoppio e questo soprattutto a causa del rally intrapreso dalla valuta virtuale che non ha lasciato fino ad ora scampo ad altre interpretazioni. Quali conseguenze in caso di scoppio?

Le tipologie

In linea di massima il significato di bolla speculativa si riferisce quasi sempre ai mercati finanziari e dunque a titoli azionari o obbligazionari. Quella finanziaria è la tipologia prevalente di bolla anche se non mancano altre categorie di fondamentale importanza analitica.

Stiamo parlando della bolla immobiliare, la cui definizione è quella di una fase di mercato caratterizzata da un periodico aumento dei prezzi nel solo settore dei beni immobili. In questo caso le conseguenze della bolla portano i prezzi a livelli insostenibili e non proporzionati rispetto ai salari o comunque al potere d’acquisto in generale. Le cause sono più o meno simili in entrambi i casi.

Cause e nascita

Come nasce una bolla speculativa e quali sono le sue cause? Come abbiamo già accennato nella nostra definizione, in fase di bolla il mercato assiste ad un aumento dei prezzi determinato da una domanda sempre più elevata da parte dei consumatori. La causa scatenante è dunque proprio questo incremento della richiesta nei confronti di un bene che il più delle volte viene considerato innovativo.

La domanda di un determinato bene aumenta nel momento in cui si diffonde l’opinione che quello rappresenterà una buona occasione per guadagnare e trarre profitto. Più tale convinzione sarà condivisa, più le persone saranno disposte a comprare quel bene e di conseguenza, all’aumento della domanda aumenterà anche il prezzo dello stesso che toccherà livelli elevatissimi.

In questo senso la bolla ha più un significato legato alla componente psicologica che a quella razionale tanto che molto spesso ci si riferisce a questa particolare fase di mercato con il termine di “mania” o “moda” legata in particolar modo all’introduzione di beni innovativi di massa. Ecco, insomma, come nasce una bolla speculativa e quali sono le sue cause.

Lo scoppio

Nella nostra definizione abbiamo affermato che durante la bolla i prezzi aumentano in modo esponenziale sulla base della fiducia riposta nelle potenzialità di un determinato bene. Quando l’euforia nei confronti dello stesso si esaurisce, spesso per motivi anche pretestuosi, eccoci davanti allo scoppio della bolla.

In realtà le cause dello scoppio della bolla speculativa non riguardano solo una ridimensionata fiducia nei confronti del bene in questione. Esse posso anche riguardare l’ormai eccessivo prezzo che che rende sempre più difficile comprare, o anche la decisione degli investitori di prendere profitto sui titoli o beni acquistati in precedenza. Ecco come e perché scoppia una bolla speculativa.

Effetti e conseguenze

Nel momento in cui si verifica questa fase di mercato i prezzi crollano e le conseguenze fanno tornare il mercato ai livelli precedenti la bolla. Ciò significa che se il valore del bene X si aggirava sui 10 euro prima dell’aumento considerevole della domanda, ma è poi salito a 100 euro in fase di bolla, dopo lo scoppio tornerà su quota 10.

Le conseguenze di una bolla speculativa sono disastrose soprattutto per gli investitori che possono trovarsi in condizioni di vera e propria rovina finanziaria.

La tulipomania

Una delle bolle speculative più note è stata quella dei tulipani, la cosiddetta tulipomania. Siamo nei Paesi Bassi, nella prima metà del seicento, il prezzo dei tulipani cresce fino a toccare livelli inimmaginabili, il tutto a causa della speculazione messa in atto sui futuri tulipani (i moderni futures), definita poi come il “commercio del vento”. Il raro fiore diventa oggetto di sfida tra i nobili benestanti disposti a pagare prezzi sempre più elevati per possederlo.

La speculazione fa esplodere la bolla dei tulipani, i prezzi crollano e centinaia di uomini olandesi che avevano investito nel settore cadono in rovina perdendo ogni singolo centesimo posseduto. La tulipomania rappresenta in pieno le fasi di mercato sopra descritte. Ecco, insomma, cos’è una bolla speculativa e quali sono il significato, la definizione, le cause e le conseguenze dello scoppio.

Iscriviti alla newsletter Formazione Finanziaria per ricevere le news su Bolla speculativa

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.