Bitcoin destinato a toccare quota $300.000?

Pierandrea Ferrari

22 Marzo 2021 - 12:31

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Secondo Bobby Lee, ex CEO dell’exchange BTCC, il Bitcoin potrebbe chiudere la sua bull run a quota 300.000 dollari nel lungo termine. Poi, però, scoppierà la bolla.

Bitcoin destinato a toccare quota $300.000?

Il Bitcoin potrebbe chiudere la sua bull run a quota 300.000 dollari. La previsione di Bobby Lee, co-fondatore ed ex CEO dell’exchange di criptovalute BTCC, affonda le radici nell’analisi dei movimenti storici della valuta, ora nel pieno di un altro trend rialzista dopo i record di fine 2017.

Poi, però, seguirà quello che gli analisti definiscono “l’inverno del Bitcoin”: con lo scoppio della bolla la crypto potrebbe perdere l’80-90% del suo valore in due anni.

Bitcoin a quota 300.000 dollari?

Ma facciamo un passo indietro: dopo il sell-off dello scorso marzo, quando gli investitori iniziarono a smarcarsi dall’azionario per proteggersi dal terremoto pandemico, il Bitcoin ha preso ritmo e spezzato ogni record sulla sua strada, scavallando lo scorso dicembre i massimi pre-bolla del 2017.

Complice la generale euforia che ha pervaso i mercati finanziari dopo l’intervento della Fed, tra Qe miliardari e tassi d’interesse ai minimi, ma anche gli endorsement piovuti sul BTC dalle grandi banche internazionali, dagli hedge fund, dalle corporate USA e dai giganti dei pagamenti online. Insomma, la finanza mainstream ha aperto le porte alla rivoluzione crypto, e tanto la quotazione del Bitcoin quanto quelle delle altre Altcoin continuano a gonfiarsi, seppur episodicamente frenate dall’alta volatilità.

Il mercato bull del Bitcoin arriva ogni quattro anni, e questo è uno grosso”, il commento dell’ex numero uno di BTCC Bobby Lee, che affida le sue previsioni all’analisi storica dei movimenti della crypto. E i risultati fanno gongolare gli investitori: già la prossima estate la valuta potrebbe rompere la quota psicologica dei 100.000 dollari per poi chiudere la sua bull run, nel lungo termine, a quota 300.000.

Scenari, questi, che riportano alla memoria l’ultima grande corsa del Bitcoin, in grado di passare da 1.000 a quasi 20.000 dollari nell’ arco di dodici mesi, nel 2017, e che rivoluzionano l’outlook di lungo termine della crypto, con JP Morgan che ad inizio anno aveva visto nella soglia dei 146.000 dollari il target del BTC.

Ma Lee avverte: una bolla, prima o poi, finirà per scoppiare, e dopo aver scavallato la quota (monstre) dei 300.000 dollari il Bitcoin potrebbe iniziare a perdere quota, in una contrazione stimata dell’80-90% in due anni. Insomma, un grande inverno che raffredderà i bollori del mercato, sulla stregua di quanto avvenuto dopo l’ultima grande fiammata della crypto.

Bitcoin, un anno da record: +888%

Ci vorranno anni per confutare le teorie rilanciate da Lee. Al momento il Bitcoin è ancora a distanza siderale dai target tracciati, ma il passo è già da record: un anno fa, nel pieno della prima ondata pandemica, la critpovaluta colava picco, con la quotazione odierna di 57.244 dollari che certifica una variazione percentuale positiva dell’888% in dodici mesi.

Quotazione Bitcoin dal 22/3/2020 al 22/3/2021

Il mercato, però, è ancora volatile, e dopo aver toccato nuovi massimi storici a quota 61.283 dollari - il 12 marzo - la criptovaluta è tornata a perdere terreno, per poi riprendere forza solo negli ultimi giorni grazie all’apertura di Morgan Stanley.

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories