Bitcoin, JP Morgan vede un rialzo fino a $130.000. Ma c’è il rischio volatilità

Pierandrea Ferrari

6 Aprile 2021 - 16:04

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Secondo la banca USA JP Morgan il crescente interesse degli investitori istituzionali verso le crypto potrebbe spingere il Bitcoin sulla soglia dei 130.000 dollari nel lungo termine. Ma la volatilità dovrà prima stabilizzarsi.

Bitcoin, JP Morgan vede un rialzo fino a $130.000. Ma c'è il rischio volatilità

Il Bitcoin potrebbe arrivare a toccare quota 130.000 dollari nel lungo termine. Questo lo scenario dipinto dagli analisti della banca statunitense JP Morgan, che ancorano il loro sentiment rialzista al crescente interesse degli investitori istituzionali verso le criptovalute.

Ma sulla strada che porta all’adozione del BTC, spiegano da JP Morgan, c’è un rischio: la volatilità. Solo una oscillazione del prezzo contenuta potrebbe smorzare il rischio finanziario e favorire così le scommesse al rialzo sull’asset.

Bitcoin a quota $130.000 nel lungo termine?

Un capitolo spinoso, questo, che a lungo ha tenuto il Bitcoin fuori dai circoli della finanza mainstream. Lo scorso anno, tra la pandemia e le politiche dovish delle banche centrali, il BTC è passato da 7.347 a 28.897 dollari di quotazione, ben oltre i massimi del 2017, mentre nei primi tre mesi del 2021 il valore dell’asset è più che raddoppiato, fino a un nuovo record di 61.283 dollari.

Nel mezzo, una serie di up and down sempre più marcati, con vertiginosi breakout e rovinose cadute. Eppure, in questo primo scorcio dell’anno non sono mancati gli endorsement verso le crypto: alcune corporate USA, su tutte Tesla, hanno iniziato a diversificare i loro portafogli con volumi sempre maggiori di BTC, i circuiti di carte internazionali procedono ad integrare le criptovalute nei loro sistemi, e anche le grandi banche e gli hedge fund, chi più chi meno, stanno cavalcando l’onda.

Ma ora, per cambiare passo e puntare alle stelle, serve “un cambiamento nella struttura di correlazione del Bitcoin rispetto alle classi di attività tradizionali”, secondo gli analisti di JP Morgan. Insomma, il Bitcoin riuscirà a sfondare quota 130.000 dollari solo se la volatilità, che “agisce come un vento contrario verso una ulteriore adozione istituzionale”, finirà per stabilizzarsi, rinvigorendo l’interesse degli investitori fin qui parzialmente smorzato dalle oscillazioni dei prezzi.

Bitcoin, +99% da inizio anno

Dei segnali in questa direzione, secondo JP Morgan, starebbero già arrivando, sebbene le fiammate del BTC siano ancora all’ordine del giorno: nell’ultimo mese la criptovaluta ha guadagnato il 19,7%, tracciando anche un nuovo massimo storico, mentre il balzo year-to-date è stato del 99%.

La capitalizzazione di mercato si è consolidata a quota 1.096 miliardi di dollari, ben oltre quella delle altre Altcoin e circa la metà della market cap complessiva delle criptovalute.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories