Mattia Binotto ha confermato che la Ferrari utilizzerà un motore «completamente nuovo» nella stagione 2021 di Formula 1, dopo che una restrizione dell’ultimo minuto da parte della FIA ha bloccato i miglioramenti del suo propulsore in questo campionato.

Mattia Binotto conferma che nel 2021 il motore della Ferrari sarà del tutto nuovo

La casa di Maranello è passata dalla lotta per le vittorie nel 2019 alla lotta per arrivare in zona punti nel 2020. Il suo passo indietro è in parte attribuibile all’accordo privato raggiunto con la FIA, che l’ha costretta a competere con un motore meno potente di quello in un primo momento consentito dalla aerodinamica dell’auto.

Il Regolamento Tecnico è sostanzialmente continuo per il prossimo corso, ma il responsabile della Scuderia del cavallino rampante spiega che lavorano sia sull’aerodinamica che sul motore per evitare di ripetere i risultati di quest’anno.

Binotto ha dichiarato che il motore il prossimo anno sarà completamente nuovo. Ha inoltre aggiunto che il suo team è molto unito e tutti lavorano all’unisono per cercare di migliorare la situazione. Il team principal della Ferrari ha anche detto che già al Nurburgring sono state portate alcune componenti che saranno utilizzate la prossima stagione per vedere come si comportano.

Binotto ha anche detto che la Scuderia del cavallino rampante al momento non sta valutando di fornire i suoi motori alla Red Bull, che avrà bisogno di un nuovo partner tecnico dopo aver confermato la partenza della Honda alla fine del 2021.

Al momento non è una possibilità, ma lui stesso chiede pazienza prima di capire quello che accadrà nelle prossime stagioni. Ricordiamo infatti che la Formula 1 dal 2022 cambierà completamente e dunque tante cose rispetto ad oggi potrebbero mutare. Si spera ovviamente che a quel punto la Ferrari possa tornare a vincere.