Quanto guadagna Beppe Sala? Lo stipendio del sindaco di Milano

13 luglio 2020 - 14:35 |
13 luglio 2020 - 14:36 |

Quanto guadagna Beppe Sala? Guadagni, stipendio e proprietà del sindaco di Milano che potrebbe ripresentarsi nel 2021 per un secondo mandato.

Quanto guadagna Beppe Sala? Lo stipendio del sindaco di Milano

Quanto guadagna Beppe Sala? Molti si chiedono a quanto ammonti lo stipendio del sindaco di Milano, in carica dal 2016 come primo cittadino del capoluogo lombardo e già, si mormora, proiettato alle prossime elezioni nel 2021.

D’altronde proprio una sua affermazione sugli stipendi ha scatenato diverse polemiche bipartisan. In occasione di un incontro via Facebook con i giovani di InOltre-Alternativa progressista, Sala ha infatti dichiarato: “Se un dipendente pubblico, a parità di ruolo, percepisce lo stesso stipendio a Milano o a Reggio Calabria è sbagliato, poiché il costo della vita è molto diverso”.

La frase ha inevitabilmente suscitato diverse critiche, sia dai partiti dell’opposizione, come Lega e Fratelli d’Italia, che dalle forze che lo sostengono nel capoluogo lombardo, tra cui anche il Partito Democratico.

Anche su Twitter molti utenti hanno attaccato Beppe Sala rinfacciandogli lo stipendio che prende con la carica di sindaco, oltre ad altri redditi su cui può contare.

Non è la prima volta che il primo cittadino milanese interviene su questo genere di argomento. Già durante la sua candidatura alle amministrative di Milano nel 2015, in seguito ad alcune polemiche sul suo status economico, Sala aveva reso pubblico il proprio stipendio commentando: “Invito gli altri candidati a sindaco a fare altrettanto”.

Beppe Sala: patrimonio e guadagni del sindaco di Milano

Beppe Sala nasce come manager e amministratore di diverse società italiane, tra le più importanti del mercato nazionale. Tra queste Tim e Pirelli, dove inizia la propria carriera nel mondo del business dopo la laurea in Economia aziendale all’Università Bocconi.

In qualità di uomo d’affari, Beppe Sala ha diversi introiti come consulente per le aziende, come si evince dal suo modello 730 del 2014, che l’attuale sindaco di Milano aveva pubblicato online durante le elezioni per il rinnovo del consiglio comunale lombardo.

Secondo quanto dichiarato all’epoca, Beppe Sala detiene diversi immobili in Italia e all’estero, tra cui:

  • il 12,5% di tre immobili tutti situati a Varedo (Monza-Brianza)
  • una casa in Svizzera, dal valore dichiarato 1.372.033 euro

L’imponibile lordo dei redditi di Beppe Sala per il 2013 è di 410.305,00 euro, che denota come il sindaco di Milano potesse contare su ottimi guadagni già prima della sua carica pubblica.

Dichiarazione redditi 2014 Sala
La dichiarazione dei redditi 2014 di Beppe Sala

Lo stipendio da sindaco

In Italia lo stipendio dei sindaci è regolato dalla Legge Bassanini, la quale prevede diverse cifre rispetto alla popolazione del comune. Milano, con circa 1,3 milioni di abitanti, si posiziona nella fascia più alta, garantendo al proprio sindaco, chiunque esso sia, 7.800 € di indennità mensile.

Oltre a questo, Beppe Sala può contare su altre entrate come si evince dalla sua situazione patrimoniale e reddituale, resa pubblica sul sito del Comune di Milano nella pagina dedicata all’amministrazione trasparente.

Nella dichiarazione di Beppe Sala per il 2019, si può quindi osservare che il reddito imponibile è di 114.741,00 euro, a cui si sommano le quote (al 20%) della società Kenergy Spa.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories