Ballottaggio Como 2022, i risultati ufficiali: Rapinese nuovo sindaco

Alessandro Cipolla

27/06/2022

27/06/2022 - 12:59

condividi

Elezioni amministrative Como 2022, i risultati ufficiali del ballottaggio: il civico Alessandro Rapinese è il nuovo sindaco dopo la vittoria su Barbara Minghetti.

Ballottaggio Como 2022, i risultati ufficiali: Rapinese nuovo sindaco

Risultati ballottaggio delle elezioni amministrative Como 2022: si è concluso lo spoglio dei voti con il civico Alessandro Rapinese che è stato eletto nuovo sindaco. L’affluenza definitiva alle ore 23:00 è stata del 35,75%, in calo rispetto al primo turno.

Alessandro Rapinese dopo essere finito al secondo posto al primo turno delle elezioni amministrative a Como, al ballottaggio ha avuto la meglio con il 55,36% su Barbara Minghetti.

Elezioni Como 2022: i risultati del ballottaggio

Lo spoglio dei voti del ballottaggio delle elezioni amministrative a Como è iniziato alle ore 23 di domenica 26 giugno. Questi sono i risultati ufficiali dopo lo spoglio di 74 sezioni su 74.

CandidatoPercentuale
Barbara Minghetti 44,82%
Alessandro Rapinese 55,36%

I risultati del primo turno

In totale sono stati otto i candidati in campo in queste elezioni amministrative a Como. Questi sono i risultati ufficiali dopo lo scrutinio di 74 sezioni su 74.

CandidatoListePercentualeSeggi
Roberto Adduci Assemblee popolari (0,42%) 0,44% /
Fabio Aleotti Como in movimento-stop inceneritore (0,51%) 0,52% /
Adria Bartolich Civitas (1,72%), Il bene comune (1,80%) 3,68% /
Vincenzo Graziani Verde e popolare (0,72%) 0,72% /
Francesco Matrale Italexit (0,93%) 0,92% /
Barbara Minghetti Partito democratico (20,44%), Europa verde (3,23%), Agenda Como 2030 (3,19%), Como comune (2,38%), La svolta civica (10,07%) 39,40% 7
Giordano Molteni Lega (6,65%), Forza Italia (8,54%), Fratelli d’Italia (12,63%) 26,99% 5
Alessandro Rapinese Rapinese sindaco (26,77%) 27,32% 20

La legge elettorale

Fatta eccezione per le regioni a statuto speciale dove possono esserci dei cambiamenti, la legge elettorale delle elezioni amministrative in Italia è di stampo maggioritario per quanto riguarda l’elezione del sindaco, mentre la ripartizione dei consiglieri avviene in maniera proporzionale.

Essendo Como un Comune con più di 15.000 abitanti, se nessun candidato al primo turno dovesse ottenere la maggioranza assoluta allora si procederà a un ballottaggio tra i due più votati. Nel caso si dovesse verificare una perfetta parità nel testa a testa, sarà eletto sindaco il candidato più anziano.

Per garantire la formazione di una maggioranza solida e di conseguenza una sostanziale governabilità, alle liste collegate al candidato sindaco risultato vincitore verrà attribuito il 60% dei seggi. I restanti posti nel Consiglio verranno poi assegnati alle altre liste in maniera proporzionale attraverso il “metodo D’Hondt”.

Alla divisione dei seggi, si andranno a eleggere nel totale 32 consiglieri escluso il sindaco, saranno ammesse tutte le liste e i gruppi di liste di candidati che avranno superato la soglia di sbarramento del 3% dei voti validi.

Per quanto riguarda le modalità di voto, nei comuni con più di 15.000 abitanti è ammesso il voto disgiunto, con l’elettore che potrà esprimere fino a due preferenze mantenendo però la parità di genere (un uomo e una donna).

I candidati

La storia delle elezioni amministrative a Como ci insegna come la città lariana, eccezion fatta per le parentesi del dem Lucini (2012-2017) e del socialista Simone (1985-1988), è sempre stata governata dal centrodestra.

Dopo la vittoria al ballottaggio alle scorse comunali, Mario Landriscina in vista del voto nel 2022 non ha potuto contare sull’appoggio dei partiti. Il centrodestra infatti ha ufficializzato come proprio candidato il medico Giordano Molteni

Da tempo ha fatto la sua scelta anche il Partito democratico lanciando la candidatura Barbara Minghetti. A sostegno della consigliera comunale ci sarà una coalizione di centrosinistra che vedrà la presenza anche di Azione. Come nel 2017 andrà per conto proprio in queste elezioni a Como Alessandro Rapinese.

Fuori da questa alleanza è rimasto il Movimento 5 stelle, con il suo consigliere comunale Roberto Adduci che alla fine ha scelto di candidarsi senza però il simbolo dei pentastellati.

In precedenza i grillini molto hanno dialogato con Civitas, lista capace a Como di prendere il 6% alle elezioni amministrative del 2017, che ha scelto come candidata Adria Bartolich.

In campo come civico ci sarà l’ex comandante della Polizia locale Vincenzo Graziani e Roberto Adduci per Assemblee popolari, mentre Italexit ha ufficializzato la candidatura a sindaco di Como di Francesco Matrale.

Iscriviti a Money.it