Azioni Saipem: trimestrale batte le attese, dubbi su stime 2017 e piano strategico

Livio Spadaro

26/10/2016

26/10/2016 - 08:47

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Trimestrale in contrasto per Saipem. I ricavi sono pari a 2,610 miliardi di euro, per un rialzo del +15% rispetto al 2016, stime 2017 in ribasso.

Trimestrale in contrasto quella di Saipem per il terzo trimestre dell’anno, pubblicata insieme ai risultati dei primi 9 mesi del 2016, le stime per l’anno e per il 2017 e il nuovo piano strategico 2020.

Saipem taglierà 800 posti di lavoro in tutta Europa nei prossimi quattro anni come parte di una strategia per rispondere alla crisi prolungata del settore energetico che eroderà i ricavi il prossimo anno. È quanto stabilito nel nuovo piano strategico 2020 di Saipem.

La società petrolifera riscontra delle difficoltà dato che la continua debolezza del prezzo del greggio costringe le big del settore a tagliare miliardi di dollari in costi.
«Le prospettive restano incerte...una ripresa significativa del mercato è ora in rimandata al 2017 e oltre», ha dichiarato il CEO di Saipem Stefano Cao durante la conference call per la presentazione dei risultati del terzo trimestre e del business plan al 2020.

Saipem, una controllata del colosso petrolifero Eni e dal fondo statale Fondo Strategico Italiano (FSI), si aspetta un calo delle vendite a circa 10 miliardi di euro nel 2017 dai 10,5 miliardi di euro di quest’anno.

L’utile netto, inclusi i costi di ristrutturazione, saranno più di 200 milioni di euro il prossimo anno da un utile netto adjusted di 250 milioni di euro del 2016.
Saipem, che lo scorso anno ha annunciato tagli ai posti di lavoro per 8.800 unità, ha registrato una perdita di 1,978 miliardi di euro nel terzo trimestre sulla scia delle svalutazioni di asset.

I ricavi sono pari a 2,610 miliardi di euro, per un rialzo del +15% rispetto allo stesso periodo del 2015. Il consensus del mercato dava i ricavi di Saipem a 2,45 miliardi nel terzo trimestre. Nei primi tre trimestri dell’anno i ricavi di Saipem sono 7,885 miliardi, in calo dagli 8,445 del 2015.
Nel terzo trimestre 2016 l’ebitda sale oltre le attese a 328 milioni, l’ebit invece sale dell’8,4% a 115 milioni di euro.

Il risultato netto per il periodo è di 60 milioni, il che porta il risultato al 30 settembre a 200 milioni, risultato ben diverso dai -562 da gennaio a settembre 2015.

Nell’anno il passivo è di 1,925 miliardi, 2,125 miliardi al lordo delle svalutazioni.

Azioni Saipem: aggiornamento del 26/10 prima dell’uscita delle trimestrale

Le azioni di Saipem si muovono in ribasso del -2,44%, a quota €0,4244, in attesa della pubblicazione dei conti trimestrali. Il titolo della società di costruzione di impianti petroliferi nei giorni scorsi aveva recuperato parecchio terreno, in scia anche del buon andamento delle quotazioni del greggio.

Il titolo si ferma così dopo una lunga corsa, un pò per le prese di profitto e un pò per cautela in vista dei conti del trimestre. Le aspettative per i dati di bilancio del quarto dell’anno appena concluso sono abbastanza buone, banca Imi ha confermato il rating hold mentre banca Akros ha reso noto di aspettarsi “conti solidi”.

Azioni Saipem in calo: prese di profitto in attesa della trimestrale

Azioni Saipem in netto calo quest’oggi, in attesa della pubblicazione dei conti trimestrali. Il titolo della società italiana perde al momento un -2,44%, portandosi così a quota €0,4244.

Lo stop alla lunga corsa delle azioni Saipem è dovuto in parte a prese di profitto dopo un lungo rally, alimentato grazie anche alla ripresa delle quotazioni del petrolio, ed in parte per cautela in vista dei conti del trimestre.

Le azioni di Saipem si muovono in rosso anche a causa dell’andamento altalenante del Ftse Mib, il quale sconta le prese di profitto sui bancari scaturite dalla presentazione del piano di salvataggio di Montepaschi.

Comunque, a chiusura delle trattazioni Saipem renderà note le proiezioni del trimestre appena concluso, ecco cosa si aspettano banca Akros e banca Imi.

Trimestrale Saipem: banca Akros si aspetta conti solidi

Banca Akros ha reso noto di aspettarsi “conti solidi” dalla trimestrale di Saipem, confermando il rating accumulate ed il prezzo obiettivo di €0,46. Gli analisti della casa d’affari si attendono ricavi per €2,521 miliardi, ossia un calo di quasi il 18% su base annuale, ed un EBITDA di €316 milioni (-1,7% su base annua).

Gli esperti hanno proseguito la loro analisi, ritenendo di attendersi un EBIT di €137 milioni, ossia in calo del -8,7% su base annua, mentre l’utile netto è atteso in forte crescita a €68 milioni, un aumento del 26,3% sempre su base annua.

Trimestrale Saipem: banca Imi vede utile in forte crescita

Gli analisti di Banca Imi hanno anch’essi confermato il rating a hold per le azioni Saipem e di conseguenza il prezzo obiettivo a €0,36. Gli esperti della casa d’affari torinese si aspettano ricavi per €2,377 miliardi, cioè un calo del -22,7% su base annua, ed un EBITDA di €313 milioni (un ribasso del -2,6% sempre su base annuale).

Gli analisti si attendono poi un EBIT di €140 milioni, in calo del -6,9% annuale, mentre stimano un utile netto superiore a banca Akros, pari ad un ammontare di €80 milioni. Infine, banca Imi stima una raccolta ordini di €14,7 miliardi.

Commentando le aspettative, gli analisti di banca Imi hanno spiegato di attendersi questi risultati, soprattutto un forte recupero degli ordini, grazie al miglioramento delle quotazioni del greggio che potrebbe portare, nel lungo periodo, alla stabilità dei dati.

Se i risultati della trimestrale dovessero riflettere le attese degli esperti di banca Imi, questi ultimi reputerebbero la loro stima di utile netto rettificato 2016 come “troppo conservativa”.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.