Assegni al nucleo familiare arretrati, per quanti anni?

Quando si richiedono gli assegni al nucleo familiare è possibile ottenere anche gli arretrati eventualmente non percepiti, scopriamo per quanti anni.

Assegni al nucleo familiare arretrati, per quanti anni?

Al lavoratore dipendente o al pensionato spettano gli assegni al nucleo familiare in base alla composizione del nucleo e al reddito dello stesso. Qualora non siano stati percepiti, può essere inoltrata anche la domanda per eventuali arretrati.

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno, sono una dipendente pubblica e il mio compagno convivente ( col quale non sono sposata) è artigiano.
Abbiano due figli minori, posso richiedere gli assegni familiari?
Se sì, posso richiedere anche gli arretrati? Grazie e buona lavoro.”

Arretrati assegni nucleo familiare

Essendo una lavoratrice dipendente può, senza alcun dubbio richiedere gli assegni al nucleo familiare per i suoi due figli minori.

Nella domanda per la richiesta degli assegni, in ogni caso, non deve inserire nel nucleo familiare il suo compagno convivente, anche se padre dei due bambini, poichè nel nucleo familiare ai fini ANF rientra soltanto l’eventuale coniuge non effettivamente e legalmente separato ma non il padre dei minori se non sposato con la madre (e di conseguenza non deve inserire neanche i redditi da lui prodotti).

Per quel che riguarda gli arretrati degli ANF, possono essere richiesti per i 5 anni precedenti (se in quell’arco di tempo si rientrava nel diritto).

Ricordo, a tal proposito che va presentata una domanda per ogni anno di arretrati richiesti in base al periodo temporale dal 1 luglio al 30 giugno dell’anno successivo.

A titolo esemplificativo una domanda va presentata per il periodo 1 luglio 2018 - 30 giugno 2019, un’altra per il periodo 1 luglio 2019 - 30 giugno 2020.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter

Money Stories