Anticorpi monoclonali: quanto costano e come funzionano

Martino Grassi

6 Febbraio 2021 - 19:10

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Il ministro della Salute ha formato un’ordinanza con cui autorizza l’utilizzo in via strordinaria degli anticorpi monoclonali per il trattamento del Covid-19. Ecco come funzionano e quanto costano.

Anticorpi monoclonali: quanto costano e come funzionano

Come funzionano gli anticorpi monoclonali e quanto costa ogni dose? Anche l’Italia, seguendo le orme della Germania e di altri Stati del mondo, ha approvato l’uso d’emergenza di questa terapia, in grado di limitare un possibile esito negativo dell’infezione causata dal Covid-19.

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato un’apposita ordinanza con cui autorizza la somministrazione di questo trattamento. Ma vediamo cosa sono e perché possono essere una nuova speranza nella lotta contro il coronavirus.

Anticorpi monoclonali: cosa sono e come funzionano

Al momento sono circa 15 i gruppi di ricerca in tutto al mondo che stanno lavorando allo sviluppo degli anticorpi monoclonali, ma ad oggi solo 2 di questi hanno raggiunto gli standard di efficacia e sicurezza tali da essere approvati in alcuni Stati del mondo, come gli USA e l’Italia.

Tra questi troviamo il cocktail prodotto da Regeneron e il farmaco di Eli Lilly. Il primo dei due, chiamato Regen Cov, ha ottenuto la concessione all’uso di emergenza da parte della Food and Drug Administration (FDA) e in passato è stato somministrato anche all’ex presidente Donald Trump, risultato positivo alla malattia. Il Regen Cov, stando ai dati, sembrerebbe in grado di ridurre del 50% il rischio di contrarre la malattia, e per questo motivo, secondo gli scienziati, potrebbe essere utilizzato come vaccino passivo. Questo medicinale inoltre è in grado di ridurre la carica virale dei soggetti positivi nel giro di pochissimo tempo, riducendo quindi anche il rischio di un decorso grave della malattia.

Il farmaco prodotto da Eli Lilly and Company invece si chiama Bamlanivimab e dovrebbe essere approvato anche dall’Aifa. Questo anticorpo negli USA viene utilizzato per il trattamento dei pazienti ad alto rischio che manifestano delle forme lievi o moderate di Covid-19. Dagli studi pubblicati fino ad ora è stata mostrata un’efficacia pari al 72% nel ridurre il rischio che si renda necessaria l’ospedalizzazione dei pazienti. Da una ricerca condotta dal National Institutes of Health (NIH) negli Stati Uniti è emerso che questo farmaco è capace di prevenire fino all’80% i casi di Covid-19 tra il personale delle case di cura, riducendo quindi le infezioni tra il personale e la nascita di nuovi focolai.

In sostanza dunque gli anticorpi monoclonali sono delle forme semi-sintetiche realizzate in laboratorio degli anticorpi neutralizzanti naturalmente presenti nell’organismo, derivati dal plasma dei pazienti guariti o convalescenti. Tuttavia l’efficacia di questo farmaco, anche se riesce a scongiurare un peggioramento del quadro clinico, è limitata nel tempo.

Quanto costano gli anticorpi monoclonali?

Uno dei fattori più interessanti riguardanti gli anticorpi monoclonali è senza dubbio il loro costo. Sebbene non sia stato reso pubblico un listino prezzo dei diversi preparati delle case farmaceutiche, secondo alcune indiscrezioni sembra che il prezzo per ogni dose di aggiri intorno a diverse migliaia di euro, circa 2.000 euro ogni somministrazione.

Il costo sarà interamente a carico dello Stato, quindi i cittadini che saranno sottoposti a questa terapia, qualora dovesse essere approvata, non dovranno sborsare nulla. La copertura di questa terapia sarà garantita da un fondo individuato dal governo per questi farmaci: quindi dovremmo avere la disponibilità per il trattamento per diverse decine di migliaia di pazienti”, ha assicurato il direttore generale dell’Aifa, Nicola Magrini.

Anticorpi monoclonali: Speranza firma l’ordinanza

Dopo aver ricevuto l’approvazione da parte dell’Agenzia Italiana del Farmaco, anche il ministro della Salute, Roberto Speranza ha firmato un’apposita ordinanza che ne autorizza la somministrazione anche nel nostro Paese. Il ministro sulla sua pagina Facebook ha infatti scritto:

“Sulla base delle indicazioni dell’Agenzia Italiana del Farmaco e del parere del Consiglio Superiore di Sanità ho appena firmato il decreto che autorizza la distribuzione, in via straordinaria, degli anticorpi monoclonali. Così abbiamo, insieme ai vaccini, una possibilità in più per contrastare il Covid 19”.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories