Acquisto prima casa in leasing 2016: guida alle detrazioni fiscali

Francesco Oliva

27/01/2016

27/01/2016 - 20:28

condividi
Facebook
twitter whatsapp

La Legge di Stabilità 2016 ha introdotto importanti detrazioni fiscali sull’acquisto della prima casa in leasing. Ecco una guida completa con le agevolazioni fiscali IRPEF, IVA e catastali.

La Legge di Stabilità 2016 ha introdotto una normativa di favore per l’acquisto della prima casa in leasing.
A partire dallo scorso 1° gennaio, infatti, le persone fisiche che decidono di acquistare o costruire un fabbricato abitativo da adibire ad abitazione principale, hanno la possibilità di optare tra mutuo e leasing.
Viene quindi riformata la materia dell’acquisto della prima casa in leasing, con l’introduzione di importanti novità sia sul piano civilistico che fiscale.

Ecco un’analisi dei vantaggi fiscali previsti per l’operazione di acquisto prima casa in leasing, con particolare riferimento alle detrazioni fiscali IRPEF e IVA.

Acquisto prima casa in leasing: le detrazioni fiscali IRPEF previste

La Legge di Stabilità 2016 ha previsto importanti detrazioni fiscali IRPEF per l’acquisto della prima casa in leasing.
Tali detrazioni fiscali variano a seconda dell’età del contribuente, andando a premiare i giovani under 35.

Per i giovani under 35 è prevista, infatti, una detrazione fiscale pari al 19% su un ammontare massimo di:

  • canoni di leasing pari a massimo 8.000 euro;
  • prezzo di riscatto pari a massimo 20.000 euro.

La condizione è che il reddito del contribuente non sia superiore ad euro 55.000.

Per i soggetti di età pari o superiore a 35 anni le detrazioni fiscali spettano su importi pari alla metà di quelli previsti per gli under 35.

Appare evidente, quindi, come le nuove detrazioni fiscali sull’acquisto della prima casa in leasing siano particolarmente interessanti, andando ad interessare l’intero canone pagato dal contribuente (in luogo della sola quota parte degli interessi come avviene nel caso del mutuo).

Occorre considerare però che tali detrazioni fiscali hanno carattere temporaneo, non essendo previste per la durata complessiva del contratto.
Le nuove detrazioni fiscali IRPEF sull’acquisto della prima casa in leasing sono attualmente previste, infatti, per i periodi d’imposta compresi tra il 2016 ed il 2020.

Acquisto prima casa in leasing: detrazioni fiscali IVA

La Legge di Stabilità 2016 ha previsto, inoltre, importanti detrazioni fiscali relativamente all’IVA.

E’ stata prevista (attenzione però: vale per il solo 2016) una detrazione dall’Irpef pari al 50% dell’Iva dovuta sull’acquisto di unità immobiliari che presentano le seguenti caratteristiche:

  • destinazione residenziale;
  • classe energetica A o B;
  • devono essere cedute dalle imprese che le hanno costruite.

La detrazione va divisa in quote costanti nell’anno di sostenimento della spesa e nei nove periodi d’imposta successivi.

Acquisto prima casa in leasing 2016: l’imposta di registro

In merito al trattamento fiscale dell’acquisto della prima casa in leasing occorre valutare anche le agevolazioni fiscali sull’imposta di registro.

In ordine, infatti, al trasferimento di unità immobiliari a banche e intermediari finanziari che esercitano l’attività di leasing avente per oggetto abitazioni di categoria catastale diversa da A/1, A/8, A/9 acquisite in locazione finanziaria da utilizzatori per i quali l’immobile presenta le condizioni per l’applicazione delle agevolazioni prima casa:

  • l’imposta di registro è ridotta all’1,5%;
  • l’imposta ipotecaria-catastale è ridotta ad euro 50,00;
  • sussiste l’esenzione dall’imposta di bollo.

Sul valore di riscatto concordato si dovrà versare un’ imposta di registro, ipotecaria e catastale in misura fissa pari a euro 200,00.

Acquisto prima casa in leasing 2016: la sospensione del canone

Cosa succede se l’utilizzatore si ritrova nella condizione di non poter più pagare il canone?
Ecco un utile approfondimento:

Acquisto prima casa in leasing: si può sospendere il canone? E se l’utilizzatore non paga?

Iscriviti alla newsletter

Money Stories