Abbonamenti stadio: l’Inter ancora sold out, i dati

Già nel mese di luglio l’Inter ha chiuso la campagna abbonamenti per aver fatto registrare sold out. San Siro nel 2019-2020 sarà ancora una volta riempito dai tifosi nerazzurri nelle gare casalinghe.

Abbonamenti stadio: l'Inter ancora sold out, i dati

L’Inter si conferma come uno dei club più seguiti d’Italia e con un pubblico affezionatissimo. E’ notizia di questi giorni infatti che la società nerazzurra ha chiuso la campagna abbonamenti dopo poche settimane dall’apertura. La vendita degli abbonamenti è esaurita nei primi giorni di luglio realizzando un record.

Se è noto che il pubblico più caldo e fedele al proprio club è quello tedesco, è altrettanto conosciuto il legame dei tifosi interisti alla propria squadra. Lo stadio Giuseppe Meazza per le gare dell’Inter registra per l’ennesima stagione il sold out, complice anche l’arrivo a Milano di Antonio Conte, che ha portato una nuova vitalità e voglia di vincere al club.

La forza dei club tedeschi risiede invece nelle strutture, di ultima generazione, con tutti i confort possibili; nella fedeltà dei tifosi verso il proprio club; infine nella forza economica del paese. Andiamo a vedere i dati di Inter e delle due squadre tedesche che hanno già chiuso la campagna di abbonamenti.

Abbonamenti Inter: campagna chiusa in pochi giorni

In Europa soltanto tre squadre a luglio avevano la vendita abbonamenti già esaurita: si tratta del Bayern di Monaco, del Borussia Monchengladbach ed appunto dell’Inter. La considerazione è attribuita ai primi cinque campionati europei: quello inglese, francese, spagnolo, italiano e tedesco.

I botteghini reali e virtuali della società nerazzurra sono stati chiusi per le tessere stagionali. Anticipo notevole sull’inizio del campionato di A che partirà l’ultima settimana di agosto, rispetto a quello tedesco che invece prende il via il 16 agosto, dopo Ferragosto. Il calciomercato italiano invece terminerà il 2 settembre 2019 ed i tifosi interisti si aspettano altri colpi per completare la rosa e lottare per il campionato con Napoli e Juventus.

L’Inter ha chiuso la campagna abbonamenti anticipando le due squadre teutoniche e piazzandosi al primo posto assoluto per la rapidità in cui si è chiusa la vendita dei tagliandi. 40mila tessere staccate, con un record di rinnovo delle sottoscrizioni (prelazione rispetto ai nuovi abbonati per quelli che già avevano un abbonamento attivo lo scorso anno).

La media spettatori dell’Inter in Serie A

Una conferma quella dell’Inter per quanto riguarda il numero potenziale di spettatori in stagione: la media dello scorso anno è stata di 61.419 presenti a partita. Per il quinto anno di fila la squadra di Milano ha avuto il maggior numero di spettatori sugli spalti in Italia, dietro però alle squadre tedesche.

Per la stagione in corso però il numero di spettatori medio sarà inferiore, molto probabilmente, per la chiusura per un anno di sei settori del terzo anello a causa delle forti vibrazioni avvertite. Sebbene le vibrazioni sono del tutto normali, secondo quanto hanno dichiarato i tecnici, è stata presa la decisione della chiusura preventiva per evitare che la gente si spaventi da tali vibrazioni e si crei panico con i rischi del caso. Saranno complessivamente 2.350 posti in meno rispetto alle stagioni precedenti, che non saranno a disposizione dei tifosi che vorranno acquistare un tagliando.

Inter, già si pensa alla stagione 2020-2021

Una consuetudine per le grandi squadre europee, ad eccezione di quelle italiane, è il fatto di inserire una lista d’attesa, ancora prima che inizi il campionato, per la stagione successiva. Si tratta di liste d’attesa per le sottoscrizioni di abbonamenti per il 2020-2021 a cui l’Inter ha già dato il via libera. Un dato veramente incredibile che mostra ancora una volta la fedeltà dei tifosi nerazzurri verso il club.

Iscriviti alla newsletter Notizie e Approfondimenti

Argomenti:

Serie A Inter

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.