8 dicembre: cosa si può fare all’Immacolata 2020

Isabella Policarpio

6 Dicembre 2020 - 10:11

condividi

Cosa si può fare e dove si può andare l’8 dicembre per il ponte dell’Immacolata: regole e divieti del nuovo DPCM su spostamenti, ristoranti, negozi e visite ai parenti.

8 dicembre: cosa si può fare all'Immacolata 2020

Per il ponte dell’Immacolata e l’8 dicembre sono consentiti gli spostamenti tra regioni nelle zone a rischio moderato, senza motivazione e senza obbligo di autocertificazione. Si potrà fare una gita fuori porta, andare a pranzo al ristorante e raggiungere la seconda casa.

Invece è vietato sciare (possono farlo soltanto gli atleti professionisti) e andare a trovare genitori anziani, amici e parenti in zona arancione e rossa, secondo le regole dell’ultimo DPCM.

Ecco cosa è consentito fare e dove si può andare all’Immacolata senza rischiare multe salate.

8 dicembre, si può andare al ristorante?

In zona gialla bar, ristoranti, pizzerie e pasticcerie sono aperti nei giorni del 7 e dell’8 dicembre dalle 5 del mattino fino alle 18. Si può andare a pranzo fuori nel limite di 4 persone per ciascun tavolo (per i conviventi non ci sono limiti numerici).

Chi abita nelle regioni arancioni e rosse si dovrà accontentare dell’asporto - possibile fino alle 22 - e della consegna a domicilio.

Si può andare nella seconda casa per il ponte dell’Immacolata?

Può trascorrere il ponte dell’Immacolata nella seconda casa di villeggiatura chi:

  • risiede in zona gialla e deve spostarsi verso un altra regione dell’area gialla;
  • chi abita in zona arancione e ha una seconda casa nello stesso comune di residenza.


Nelle zone rosse, invece, è vietato andare nelle seconde case se non per motivi di lavoro, salute, necessità e urgenza.

Mostre e musei ancora chiusi


Mostre, musei e gallerie d’arte sono ancora chiuse e non ci sono eccezioni per il ponte dell’8 dicembre.

Si può andare in un’altra regione?

Sì agli spostamento tra regioni per il ponte dell’Immacolata. Questi, però, sono ammessi soltanto tra regioni della zona gialla (anche se è necessario attraversare un regione rossa o arancione).
La stretta agli spostamenti regionali imposta dal nuovo DPCM vale dal 21 dicembre al 6 gennaio.

Posso andare a trovare congiunti/parenti fuori regione?

Il ponte dell’Immacolata può essere l’occasione per andare a trovare parenti, amici o congiunti. Tuttavia ciò è consentito soltanto tra persone residenti in zona gialla.

Gli incontri in casa non sono vietati in modo assoluto ma “caldamente sconsigliati.” Il divieto vige soltanto in zona rossa.

In ogni caso - e non solo durante il ponte dell’Immacolata - si può andare fuori dal comune o dalla regione per assistere un parente non autosufficiente, malato e solo.

Shopping nei centri commerciali


Il DPCM in vigore ha confermato la chiusura di centri commerciali, gallerie e outlet nei giorni festivi e prefestivi, compreso l’8 dicembre; al loro interno restano aperti soltanto i supermercati, i tabacchi e le farmacie. Per lo shopping natalizio si dovrà aspettare.

Andare in chiesa l’8 dicembre


Le celebrazioni religiose non sono vietate. In tutta Italia si può andare a messa l’8 dicembre nel rispetto delle misure anti-Covid: con mascherina protettiva e distanza interpersonale di almeno un metro. Spetta al funzionario di culto stabilire il numero massimo di fedeli in base all’effettiva capienza della chiesa.

Posso fare una gita in un altro comune (restando nella stessa regione)?

Le gite fuori porta in un comune diverso da quello di residenza - senza oltrepassare i confini regionali - sono consentiti in zona gialla.

In zona arancione e rossa, invece, per uscire dal comune serve un motivo di salute, lavoro o necessità da dichiarare nel modulo di autocertificazione.

Si può andare a sciare?

Non è possibile andare a sciare il 7 e l’8 dicembre; il DPCM in vigore ha imposto la chiusura degli impianti sciistici dal 4 dicembre al 7 gennaio 2021. Possono sciare soltanto gli atleti professionisti.

Argomenti

# DPCM

Iscriviti a Money.it