Il 2022 inizia con un record per la Turchia di Erdogan

Violetta Silvestri

03/01/2022

03/01/2022 - 15:52

condividi

La Turchia di Erdogan sotto i riflettori: il 2022 è cominciato con un record per i dati economici. L’inflazione è salita alle stelle come non accadeva da quando il presidente è al potere. I dettagli.

Il 2022 inizia con un record per la Turchia di Erdogan

Per la Turchia, il 2022 è già da record: l’inflazione ha raggiunto il suo livello più alto da quando Erdogan è salito al potere quasi 20 anni fa.

Secondo l’Istituto statistico turco, i prezzi al consumo sono aumentati del 36% a dicembre rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, correndo al ritmo più veloce dal settembre 2002. In quell’anno il presidente ha iniziato a governare la nazione.

Le previsioni economiche per la Turchia si fanno cupe nel 2022: i dettagli sulle stime per l’inflazione e non solo.

La Turchia di Erdogan tocca il record per l’inflazione

La notizia economica di inizio anno per la nazione turca non è incoraggiante: l’indice dei prezzi al consumo del Paese è balzato del 36% su base annua a dicembre.

Il risultato segna il più alto livello di aumento dei prezzi al consumo dal settembre 2002, quando la Turchia si stava riprendendo da una crisi finanziaria che ha spianato la strada a una schiacciante vittoria elettorale per il partito Giustizia e Sviluppo (AKP) di Erdogan nel novembre dello stesso anno.

Questo numero, in forte incremento rispetto al tasso di inflazione ufficiale del mese precedente del 21%, arriva dopo che il presidente ha ordinato alla banca centrale di tagliare ripetutamente i tassi di interesse negli ultimi mesi, nonostante l’inflazione a due cifre.

Con tassi di interesse reali profondamente negativi, gli investitori sono stati costretti a fuggire dalla lira turca, mentre l’inflazione avanzava nel Paese fortemente dipendente dall’energia e dalle merci importate.

Ciò a sua volta ha provocato un crescente malcontento della popolazione per l’aumento del costo della vita e ha portato a un’erosione del sostegno all’AKP nei sondaggi di opinione.

Nel dettaglio, il tasso di inflazione di dicembre è stato trainato dai costi dei trasporti, aumentati di quasi il 54% annuale e da quelli di cibo e bevande, a +44%.

In segno del dolore inflitto alle imprese dal crollo della lira, che ha perso circa il 45% del suo valore rispetto al dollaro nel 2021, l’indice dei prezzi alla produzione è cresciuto dell’80% anno su anno.

Ibrahim Aksoy, analista di HSBC a Istanbul, ha avvertito che l’inflazione potrebbe avanzare ulteriormente nei prossimi mesi, prevedendo che raggiungerà circa il 42% ad aprile e maggio.

Erdogan e i propositi per il 2022

Erdogan ha attribuito i problemi economici della Turchia all’intervento straniero e ha affermato che sta conducendo una lotta per una maggiore indipendenza finanziaria del Paese.

L’impennata dei prezzi e il crollo della valuta hanno già costretto il Governo ad adottare misure straordinarie per cercare di proteggere lavoratori e risparmiatori.

Il mese scorso, Erdogan ha annunciato un aumento di quasi il 50% del salario minimo del Paese e un piano per un nuovo tipo di conto di deposito in lire turche che proteggerebbe i risparmiatori dalla svalutazione.

Il presidente ha anche esortato imprese e privati ​​a difendere la lira:

“Finché non prendiamo i nostri soldi come punto di riferimento, siamo destinati ad affondare. La lira turca, i nostri soldi, è quello con cui andremo avanti. Non con la valuta estera

L’obiettivo, a detta di Erdogan, è di far uscire la nazione “dalla spirale di alti tassi di interesse e di elevata inflazione e avviarla sulla strada della crescita attraverso investimenti, occupazione, produzione, esportazione e avanzo delle partite correnti.”

Gli strumenti in uso, però, sono stai bocciati come pericolosi dagli economisti. Il 2022 sarà un anno cruciale per la Turchia.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.