Esame avvocato

L’esame avvocato consiste in un esame che consente l’abilitazione dei candidati alla professione forense e la relativa iscrizione all’Albo degli Avvocati.

Per poter sostenere l’esame avvocato è necessario aver concluso i 18 mesi di Praticantato o la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali (SSPL).

L’esame avvocato si sviluppa in tre prove scritte, da sostenere in tre giorni diversi, il cui superamento permette al candidato di sottoporsi alla prova orale, ultimo passaggio per ottenere l’abilitazione.

Le prove si sviluppano così:

  • prima prova scritta: redazione di un parere motivato di diritto civile;
  • seconda prova scritta: redazione di un parere motivato di diritto penale;
  • terza prova scritta: redazione di un atto giudiziario in una delle tre materie a scelta tra diritto privato, penale, amministrativo;
  • prova orale: colloquio dinanzi ad una Commissione esaminatrice su 5 materie scelte dal candidato e deontologia forense.

Esame avvocato, ultimi articoli su Money.it

Esame avvocato, codici commentati addio? Possibile un’altra proroga

Pubblicato il 7 gennaio 2020 alle 11:02

I codici commentati potrebbero essere ammessi anche al prossimo esame di avvocato. Lo prevede un emendamento presentato dal PD. Possibile un’altra proroga all’entrata in vigore delle nuove regole per l’abilitazione alla professione forense.

Esame avvocato 2019, quando escono i risultati?

Pubblicato il 12 dicembre 2019 alle 18:31

Le prove scritte dell’esame di avvocato 2019 si sono appena concluse; quando si sapranno i risultati? Quanto tempo bisogna aspettare? Difficile dirlo con certezza, ma potrebbero volerci molti mesi.

|