Wall Street: titoli caldi del 24 luglio, trimestrali in focus

Nel pieno della stagione delle trimestrali, oggi abbiamo selezionato tre titoli che oggi hanno reso noto i conti del secondo trimestre 2019: Caterpillar, UPS e Boeing

Wall Street: titoli caldi del 24 luglio, trimestrali in focus

Seduta leggermente ribassista per i futures sui principali indici a stelle e strisce, con gli operatori che stanno prendendo beneficio dopo i rialzi della serata di ieri. Le quotazioni dell’azionario hanno guadagnato terreno dopo la notizia sui progressi sul fronte commerciale tra Usa e Cina, con i delegati delle due superpotenze che la prossima settimana si incontreranno a Shangai.

Nel frattempo, la stagione delle trimestrali è entrata nel vivo: i titoli caldi di oggi sono infatti relativi a tre società che oggi hanno pubblicato i risultati del secondo trimestre 2019.

  • Caterpillar: la società ha annunciato di aver raggiunto un utile per azione a 2,83 dollari nel secondo trimestre del 2019, deludendo in tal modo le attese degli operatori che stimavano un dato a 3,12 dollari. Oltre a ciò, Caterpillar ha ridotto la guidance per l’intero 2019. Durante il pre-borsa, il titolo cede il 3,79%. Graficamente, i ribassi di oggi potrebbero confermare il doppio massimo in area 140 dollari. Se questa figura di reversal venisse confermata, i prezzi violerebbero la media mobile semplice a 200 giorni, e potrebbero quindi riportarsi verso i 125 dollari.
  • UPS: la società ha pubblicato i risultati della trimestrale, che hanno sorpreso le attese degli analisti (1,96 dollari per azione contro gli 1,92 stimati). Oltre a questo, l’azienda ha annunciato che estenderà la consegna a tutti i giorni della settimana a partire dal 2020. Nel pre-market, le azioni UPS avanzano del 4,45%. I rialzi in essere permettono ai prezzi di violare la SMA 200, annullando in questo modo il pattern di Shooting star dello scorso 16 luglio. I compratori potrebbero ora prepararsi ad effettuare la chiusura del gap down a 113,45 dollari, aperto dal 25 aprile 2019.
  • Boeing: l’azienda ha rilasciato i risultati del secondo trimestre del 2019, che hanno fatto emergere una perdita per azione a 5,82 dollari. Il dato è ben inferiore alle previsioni, che stimavano un utile a 1,98 dollari. Durante il pre-borsa di Wall Street, le azioni Boeing cedono lo 0,96%. Dal punto di vista tecnico, i prezzi sono stati respinti già nella sessione del 22 luglio dalla linea di tendenza che unisce i top dell’11 marzo a quelli del 5 aprile 2019. A tal proposito i corsi potrebbero trovare un supporto a 359 dollari, dove transita la trendline di breve periodo ottenuta con i lows del 3 giugno e quelli del 9 luglio 2019.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.