Vaccino Pfizer, dosi rispedite al mittente negli USA: cosa è successo?

Mario D’Angelo

16 Dicembre 2020 - 23:50

condividi
Facebook
twitter whatsapp

I militari hanno riscontrato una «anomalia» nei carichi di vaccino Pfizer, e quindi deciso di rispedirlo immediatamente alla società farmaceutica.

Vaccino Pfizer, dosi rispedite al mittente negli USA: cosa è successo?

Dosi di vaccino Pfizer sono state rispedite al mittente negli USA a causa di un problema nel trasporto. Da tempo ormai si discute non solo dell’efficacia dei vaccini anti-Covid-19, ma anche dell’efficienza con cui le dosi verranno inviate presso i punti di somministrazione, un aspetto essenziale della conservazione del vaccino.

Distribuzione vaccino Pfizer negli USA, primi problemi

L’autorizzazione all’uso d’emergenza del siero sviluppato da Pfizer insieme alla tedesca BioNTech è arrivata solo da pochi giorni da parte della FDA, ma già si verificano i primi singhiozzi nella distribuzione.

Prima l’azienda statunitense ha comunicato che la prossima settimana consegnerà quasi un milione di dosi in meno della precedente, poi 3.900 dosi sono state rispedite indietro a Pfizer a causa di una problematica riscontrata nel trasporto. Ma cosa è successo esattamente?

Anomalia nel carico di vaccino Pfizer, rispedito al mittente

Pfizer ha detto che il suo vaccino va conservato a una temperatura di 70 gradi sotto zero. Ma per due diverse spedizioni è stata riscontrata una strana anomalia: in quattro casse del vaccino dirette verso la California e l’Alabama la temperatura registrata dall’esercito era molto più fredda, ovvero -92 gradi Celsius. Per questo è stato immediatamente deciso di rispedirle al mittente. Ogni cassa contiene almeno 975 dosi.

“Non prendiamo rischi”, ha detto il generale Gustave Perna, a capo dell’operazione Warp Speed per la consegna dei vaccini negli Stati Uniti.

Adesso gli scienziati statunitensi stanno cercando di capire se temperature così basse possono danneggiare sul vaccino.

Intanto, l’amministrazione Trump si è resa conto che le dosi Pfizer saranno molte meno di quanto precedentemente annunciato dall’azienda stessa. Nel corso della prossima settimana, saranno distribuite 2 milioni di dosi negli USA, contro i 2.9 milioni disponibili questa settimana. In un primo momento si era parlato di un raddoppio delle dosi a partire dalla seconda spedizione.

L’obiettivo della Casa Bianca è di vaccinare, usando sia le dosi di Pfizer che quelle di Moderna, 20 milioni di cittadini statunitensi.

Argomenti

# Pfizer

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories