Gli Usa in default? Il rischio c’è e i mercati globali tremano

Violetta Silvestri

23 Gennaio 2023 - 15:15

condividi

Gli Stati Uniti rischiano l’insolvenza: la maggiore potenza mondiale è in stallo e può cadere in default, avendo raggiunto il tetto al debito e non trovando un accordo in Congresso. Cosa succede?

Gli Usa in default? Il rischio c'è e i mercati globali tremano

Gli Stati Uniti sull’orlo del default?

Una battaglia politica si sta preparando a Capitol Hill con conseguenze economiche potenzialmente disastrose che incombono, dopo che gli Stati Uniti hanno raggiunto il limite del debito.

I legislatori devono trovare un accordo per aumentare o sospendere il tetto di indebitamento per evitare un default del credito, che significherebbe l’impossibilità per il governo di pagare i suoi conti, diventando insolvente per la prima volta in assoluto.

Se il Congresso non raggiunge un’intesa su tale tetto e gli Stati Uniti non rispettano i propri obblighi, si prevede che ciò avrà gravi effetti sull’economia e quasi certamente sconvolgerà i mercati finanziari a livello globale. Milioni di americani potrebbero vedere costi di prestito più elevati e ritardi nel ricevere assegni governativi come la previdenza sociale.

La crisi del debito Usa, non sconosciuta e già accaduta in anni passati, è uno strumento politico spesso usato dall’opposizione, ma assai rischioso. Cosa sta per accadere nella potenza americana e cosa rischia la finanza mondiale?

Usa verso il default: perché è scoppiata la crisi del debito

Creato dal Congresso nel 1917, il limite del debito, o massimale, stabilisce l’importo massimo del debito federale che il governo degli Stati Uniti può sostenere.

A gennaio 2023, il debito nazionale totale e il tetto del debito ammontano entrambi a 31,4 trilioni di dollari. Il governo degli Stati Uniti ha registrato un deficit medio di quasi $1 trilione ogni anno dal 2001, il che significa che spende molto più denaro di quello che riceve in tasse e altre entrate. Per compensare la differenza, deve prendere in prestito per continuare a finanziare i pagamenti che il Congresso ha già autorizzato.

Quando il Dipartimento del Tesoro spende l’importo massimo autorizzato sotto il tetto, il Congresso deve decidere di sospendere o aumentare il limite di prestito. Questo è accaduto ora.

Per gran parte del secolo scorso, alzare il tetto è stata una procedura relativamente di routine per il Congresso. Ogni volta che il Dipartimento del Tesoro non poteva più pagare i conti del governo, il Congresso ha agito rapidamente e talvolta all’unanimità per aumentare il limite su ciò che poteva prendere in prestito. Dal 1960, il Congresso ha aumentato il tetto settantotto volte, l’ultima volta nel 2021. Quarantanove di questi aumenti sono stati attuati sotto presidenti repubblicani e ventinove sotto presidenti democratici.

Tuttavia, l’attuale composizione del Congresso pone maggiori sfide per raggiungere un accordo sul limite del debito in tempo, dal momento che i repubblicani ora controllano la Camera. Proprio i repubblicani si oppongono a un’approvazione di un aumento del tetto puro, sostenendo che qualsiasi legge sul limite del debito deve essere abbinata a tagli alla spesa. Tagli che i democratici vogliono respingere.

C’è ancora un po’ di tempo per evitare la catastrofe e sancire un’intesa, almeno fino all’inizio di giugno, secondo le stime pubbliche di Yellen, segretario del Tesoro.

La questione, però, rimane seria e delicata. Molti economisti affermano di aspettarsi che si raggiunga un accordo. Tuttavia, dato l’attuale “ambiente politico estremamente irritabile”, potrebbe essere un lungo processo che contribuirebbe a riacutizzazioni della volatilità dei mercati finanziari, ha affermato il servizio per gli investitori di Moody’s in una nota.

Tale volatilità sta arrivando in un momento in cui la Federal Reserve sta cercando di abbassare l’inflazione, mentre tenta atterraggio morbido (o debole) con un danno minimo per l’economia (evitando la recessione).

Perché i mercati globali tremano: cosa può accadere?

Il dibattito sul tetto del debito (e lo stallo nell’accordo per ora) ha indotto alcuni economisti a prendere in considerazione la prospettiva un tempo impensabile, quella di un default degli Stati Uniti.

Sarebbe la dichiarazione di Washington che non può più pagare i propri debiti. Diversi esperti affermano che ciò porterebbe il caos negli Stati Uniti e nelle economie globali. Anche a meno di un default, colpire il tetto del debito ostacolerebbe la capacità del governo di finanziare le sue operazioni, inclusa la fornitura della difesa nazionale o diritti di finanziamento come Medicare o Social Security.

Le potenziali ripercussioni includono un declassamento da parte delle agenzie di rating del credito, un aumento dei costi di prestito sia per le imprese che per i proprietari di case e un calo della fiducia dei consumatori, che potrebbe scioccare il mercato finanziario statunitense e far precipitare l’economia in recessione.

Gli economisti di Goldman Sachs hanno stimato che una violazione del tetto del debito fermerebbe immediatamente circa un decimo dell’attività economica degli Stati Uniti. Secondo il think tank Third Way, una violazione che porta al default potrebbe causare la perdita di tre milioni di posti di lavoro, aggiungere $130.000 al costo di un mutuo trentennale medio e aumentare i tassi di interesse abbastanza da aumentare il debito nazionale di 850 miliardi di dollari.

Inoltre, tassi di interesse più elevati potrebbero distogliere il futuro denaro dei contribuenti dai tanto necessari investimenti federali in settori quali le infrastrutture, l’istruzione e l’assistenza sanitaria.

Un default del Tesoro minerebbe il sistema finanziario globale, ha affermato Louise Sheiner, direttore delle politiche presso l’Hutchins Center on Fiscal and Monetary Policy ed ex economista senior presso la Fed e il Council of Economic Advisers.

“Se i titoli del Tesoro diventano qualcosa che le persone sono preoccupate di detenere, ciò avrà effetti a catena sui mercati dei capitali di tutto il mondo, in modi davvero difficili da prevedere”, ha affermato.

Considerando le potenziali conseguenze negli Stati Uniti e all’estero, Sheiner ritiene che il tetto del debito verrà alzato o sospeso, prima o poi. “Non c’è altro modo per aggirare il problema. Non è possibile che il Congresso riduca le spese del 20% a metà anno. Farebbe precipitare l’economia in una recessione. Sarebbe una politica terribile.”

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.