Tutte le disuguaglianze del sistema tributario che logorano l’Italia

Franco Mostacci

3 Giugno 2024 - 08:14

La distribuzione delle detrazioni è sbilanciata a favore del quinto più ricco di contribuenti (ben oltre il 50%), un valore anche maggiore se si considera che l’incapienza colpisce i ceti più deboli.

Tutte le disuguaglianze del sistema tributario che logorano l’Italia

I contribuenti che lo scorso anno hanno presentato la denuncia dei redditi delle persone fisiche (Irpef) per il 2022 sono più di 42 milioni, l’1,3% in più dell’anno precedente, il numero più alto di sempre.

Rispetto al 2021, il numero di contribuenti è aumentato di 530 mila unità, distribuite in maniera non uniforme. Continua a diminuire il numero di contribuenti che hanno un reddito fino a 20 mila euro (-778 mila), mentre cresce fortemente il ceto medio, con un aumento complessivo di oltre un milione di contribuenti con reddito compreso tra 20 e 50 mila euro, di cui quasi 343 mila concentrati nella classe tra i 29 e i 35 mila euro di reddito.
Va comunque considerato che, tenendo fisse le classi di reddito negli anni, il confronto non tiene conto dell’aumento nominale dei redditi dovuto alla dinamica inflattiva. [...]

Money

Questo articolo è riservato agli abbonati

Abbonati ora

Accedi ai contenuti riservati

Navighi con pubblicità ridotta

Ottieni sconti su prodotti e servizi

Disdici quando vuoi

Sei già iscritto? Clicca qui

​ ​

Iscriviti a Money.it

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo