Trimestrale Intesa Sanpalo: titolo in rally dopo i conti

Violetta Silvestri

5 Febbraio 2021 - 15:16

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Trimestrale di Intesa Sanpaolo in primo piano: i conti del gruppo bancario spingono il titolo a Piazza Affari. Tutti i dati economici del 2020.

Trimestrale Intesa Sanpalo: titolo in rally dopo i conti

La trimestrale di Intesa Sanpaolo convince i mercati: il titolo corre negli scambi a Milano, spinta dal conto economico 2020 soddisfacente.

Le azioni hanno sfiorato un rialzo del 4% non appena sono stati pubblicati i risultati e al momento avanzano di sulla soglia del 3%.

Il gruppo bancario ha archiviato l’anno battendo le attese e mostrando un utile netto superiore ai 3 miliardi di euro. L’ad Messina ha espresso ottimismo e proposto la distribuzione di circa 700 milioni di euro di dividendo nel 2021.

Cosa hanno svelato nel dettaglio i conti della trimestrale di Intesa Sanpaolo?

Trimestrale Intesa Sanpaolo: i conti del 2020

Intesa Sanpaolo ha fatto meglio delle stime Bloomberg e Banca Akros nei risultati economici dell’intero 2020. Nello specifico, l’utile netto si è attestato sui 3,277 miliardi di euro mentre il profitto è stato pari a 19,023 miliardi di euro.

Bene anche i costi operativi, dal valore di 9,971 miliardi di euro e il margine operativo lordo di 9,052 miliardi di euro.

Per quanto riguarda il rapporto cost/income, il dato ha raggiunto nel 2020 il 52,2% senza considerare l’apporto di Ubi. La percentuale è stata di 52,4% con la sua inclusione, posizionando così Intesa tra i migliori gruppi in Europa per questo risultato.

Il costo del rischio è arrivato a 50 punti base, senza conteggiare l’impatto delle rettifiche per i futuri effetti pandemici Covid-19 (pari a 54 punti base).

L’indice di solidità patrimoniale Cet 1 ratio post dividendi proposti ha raggiunto il 15,4% pro-forma a regime (16,9% escludendo Ubi) e il 15,9% con l’acquisizione di Ubi.

Nell’anno, anche i crediti deteriorati hanno avuto ottime performance, con una importante diminuzione. Il commento di Messina è stato:

“abbiamo superato con un anno di anticipo l’obiettivo di riduzione di crediti deteriorati previsto dal Piano d’Impresa 2018-2021 e abbiamo raggiunto i più bassi livelli di Npl ratio dal 2007 con un Npl ratio lordo del 3,7%, includendo Ubi, e un Npl ratio netto del 2,3%, sempre includendo Ubi”

Con questa cornice di risultati, le azioni Intesa Sanpaolo stanno guadagnando il 2,86% a 2,07 euro per azione al momento in cui si scrive.

Da sottolineare, che i conti del solo quarto trimestre 2020 sono stati negativi. La perdita netta degli ultimi tre mesi dell’anno è stata pari a 3,099 miliardi di euro a causa soprattutto degli oneri legati all’acquisizione di Ubi Banca.

Intesa Sanpaolo: dividendo e target 2021

Il pagamento degli azionisti con la politica dei dividendi resta un obiettivo della banca. Il gruppo ha mantenuto l’impegno di distribuire circa 700 milioni di euro cash in base ai limiti imposti dalla BCE.

Stando alle indicazioni che arriveranno da Francoforte, la banca propone l’erogazione di altri contanti dalle riserve per pagare così un payout ratio corrispondente al 75% dell’utile netto normalizzato del 2020 di 3,5 miliardi di euro.

Nei target di Intesa Sanpaolo c’è il rafforzamento dell’integrazione con Ubi, che dovrebbe garantire un aumento di sinergie importante.

Per l’intero 2021 l’utile netto stimato è oltre i 3,5 miliardi di euro.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories