Carlo Messina

Carlo Messina

Carlo Messina è CEO e consigliere delegato di Intesa Sanpaolo. È alla guida della banca italiana dal 29 settembre 2013.

Nato a Roma nel 1962, ha conseguito una laurea in Economia e Commercio presso l’Università Luiss di Roma. A giugno 2017 è stato insignito della carica di Cavaliere del Lavoro dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. È membro attivo del comitato esecutivo dell’ABI (Associazione Bancaria Italiana) e consigliere presso l’Università Bocconi da novembre 2014.

I primi incarichi

Tra i primi incarichi di Messina quello di funzionario responsabile del segmento Corporate Finance presso la Banca Nazionale del Lavoro dal 1987.
Nel 1992 diventa Dirigente Responsabile del Servizio Pianificazione e Controllo Strategico presso Bonifiche Siele Finanziaria, la capogruppo del gruppo bancario Banca Nazionale dell’Agricoltura. Un altro cambio casacca arriva nel 1996, con la nomina presso Banco Ambrosiano Veneto di Funzionario Responsabile dell’Ufficio Pianificazione. Per la stessa banca, solo un anno dopo viene nominato Dirigente Responsabile del Servizio Pianificazione.

La carriera accademica

Carlo Messina è impegnato anche in un’attività accademica di alto livello. È stato docente di Economia degli Intermediari Finanziari all’interno del master in Business Administration alla Scuola di Management della Università Luiss e docente di Finanza Aziendale ad Ancora, presso la facoltà di Economia e Commercio.

L’ascesa di Messina in Intesa Sanpaolo

Presso Banca Intesa, antecedentemente alla fusione, dal 1998 ricopre il ruolo di Dirigente Responsabile del Servizio Pianificazione e Studi Bancari. Tre anni dopo diventa Direttore Centrale Responsabile nella Direzione Controllo Direzionale e nel 2002 è alla guida della Direzione Pianificazione e Controllo in qualità di Direttore Centrale Responsabile.

Presso Intesa Sanpaolo, a partire dal 2007 è Direttore Centrale Responsabile all’interno dell’Area Governo Valore. Viene nominato Chief Financial Officer (CFO) nel 2008, e Direttore Generale e Chief Financial Officer nel 2012.

L’ascesa prosegue nel maggio 2013, quando Carlo Messina viene nominato Direttore Generale e Responsabile Area di Governo Chief Financial Officer, e solo un mese dopo Direttore Generale, Responsabile Area di Governo Chief Financial Officer e Responsabile Divisione Banca dei Territori.
A settembre delle stesso anno gli viene assegnato il ruolo di Consigliere Delegato e CEO del Consiglio di Gestione, e presso la Divisione Banca dei Territori è Direttore Generale e Responsabile.

Da inizio 2016 è Consigliere Delegato e CEO del Consiglio di Gestione e Direttore Generale, mentre da aprile dello stesso anno continua a ricoprire le cariche assegnate all’interno della nuova governance monistica intrapresa da Intesa Sanpaolo.

Carlo Messina, ultimi articoli su Money.it

Intesa Sanpaolo: obiettivo è di essere leader in Europa

Pubblicato il 29 marzo 2019 alle 15:16

I risultati 2018 “confermano la capacità di Intesa Sanpaolo di creare valore”. È quanto si legge in una lettera inviata agli azionisti dal presidente della banca, Gian Maria Gros-Pietro, e dall’amministratore delegato, Carlo Messina.

Rinnovo Cda Intesa Sanpaolo: fondazioni puntano sulla continuità

Pubblicato il 28 marzo 2019 alle 11:00

Come era prevedibile, il rinnovo del Cda di Intesa Sanpaolo avverrà all’insegna della continuità. Il lavoro dell’accoppiata Messina – Gros Pietro è stato apprezzato dalle fondazioni azioniste che puntano sulla conferma degli attuali vertici.

Intesa Sanpaolo: Messina obiettivi confermati nonostante recessione Italia

Pubblicato il 6 marzo 2019 alle 13:29

L’andamento dell’economia non influirà sui target previsti dal piano industriale di Intesa Sanpaolo. A dirlo è il consigliere delegato di Ca’ de Sass, Carlo Messina. Per quanto riguarda la riunione della BCE di domani, Messina valuta “molto probabile” il rinnovo dei Tltro

Intesa Sanpaolo: con Messina rendimento dividendi oltre 40% dal 2014

Pubblicato il 5 febbraio 2019 alle 18:00

Il CEO mantiene la parola data al momento della nomina: da ottobre 2013 ad oggi i dividendi distribuiti dalla banca hanno offerto un ritorno del 42% agli azionisti, senza contare la performance positiva ottenuta dal titolo in Borsa

|