Tra i guai degli Usa ci sono deficit e debito. La potenza vacilla?

Violetta Silvestri

21 Ottobre 2023 - 15:30

Deficit e debito aumentano in modo preoccupante negli Usa, allarmando le finanze della più importante potenza mondiale. Cosa può accadere all’economia degli Stati Uniti e cosa temere?

Tra i guai degli Usa ci sono deficit e debito. La potenza vacilla?

Problema deficit di bilancio per la potenza Usa. E intanto il debito federale cresce, di pari passo con gli oneri sugli interessi.

Il governo degli Stati Uniti ha registrato venerdì un deficit di bilancio di 1.695 trilioni di dollari nell’anno fiscale 2023, con un aumento del 23% rispetto all’anno precedente a causa del calo delle entrate e delle spese per la previdenza sociale, l’assistenza sanitaria statale e i costi per interessi da record.

Il debito, inoltre, è emerso come una delle principali preoccupazioni a Wall Street quest’anno, con i legislatori che hanno raggiunto un accordo in extremis per aumentare il limite di indebitamento del governo a maggio e i titoli del Tesoro che attualmente stanno subendo una disfatta che si colloca tra le peggiori svendite nella storia del mercato.

Il 18 settembre le passività del governo americano hanno superato i 33.000 miliardi di dollari. Un mese dopo, la cifra era balzata a 33.640 miliardi di dollari, il che implica un aumento medio giornaliero di 20 miliardi di dollari.

Mentre due guerre minacciano anche la stabilità finanziaria mondiale, l’inflazione rischia di risalire e i tassi di interesse saranno alti ancora per molto, gli Usa si trovano dinanzi a sfide economiche tutte interne.

Allarme deficit negli Usa

Il Dipartimento del Tesoro ha affermato che il deficit è stato il più grande dal gap di 2,78 trilioni di dollari alimentato dal Covid nel 2021. Segna un importante ritorno all’espansione del deficit dopo i cali consecutivi durante i primi due anni in carica del presidente Joe Biden.

Il deficit arriva mentre Biden chiede al Congresso 100 miliardi di dollari in nuovi aiuti esteri e spese per la sicurezza, inclusi 60 miliardi di dollari per l’Ucraina e 14 miliardi di dollari per Israele, insieme a finanziamenti per la sicurezza delle frontiere degli Stati Uniti e la regione dell’Indo-Pacifico.

Il grande deficit, che ha superato tutti i deficit pre-Covid, compresi quelli causati dai tagli fiscali repubblicani approvati sotto Donald Trump e dagli anni della crisi finanziaria, probabilmente infiammerà le battaglie fiscali di Biden con i repubblicani alla Camera dei Rappresentanti, le cui richieste di tagli alla spesa hanno spinto gli Stati Uniti sull’orlo del default all’inizio di giugno.

Le prospettive non sono rosee. Il Congressional Budget Office ha avvertito che, sulla base dell’attuale legislazione fiscale e di spesa, i deficit statunitensi si avvicineranno ai livelli dell’era Covid entro la fine del decennio, raggiungendo circa 2,13 trilioni di dollari nel 2030 con l’aumento dei costi di interessi, sanità e pensioni.

Gli analisti sottolineano che le entrate fiscali individuali sul reddito sono crollate perché un mercato azionario debole nel 2022 ha comportato minori plusvalenze e perché l’Internal Revenue Service ha prorogato le scadenze fiscali per gran parte della California e parti dell’Alabama e della Georgia a causa di disastri naturali.

Inoltre, l’aumento della spesa sui programmi di assistenza, tra cui la previdenza sociale e Medicare, nonché su Medicaid ha rappresentato poco più di un quarto dell’ampliamento del deficit di bilancio.

Boom del debito, gli interessi costeranno più della difesa?

Non sono buone le previsioni sul peso dell’indebitamento Usa. Se il debito della più grande economia mondiale salisse al ritmo previsto dal Congressional Budget Office, la spesa del governo per gli interessi netti potrebbe aumentare da meno di 500 miliardi di dollari all’incredibile cifra di 1.400 miliardi di dollari entro il 2033.

L’allarme è diffuso. “Stiamo assistendo in tempo reale alla dolorosa combinazione di aumento del debito, inflazione e costi degli interessi, che portano a un debito ancora maggiore”, ha affermato Michael Peterson, CEO della Peter G. Peterson Foundation, un’organizzazione apartitica che cerca di aumentare la consapevolezza del problema. I costi degli interessi sono aumentati di quasi il 40% dallo scorso anno.

In genere, “i livelli di debito di un paese diventano un problema se hai tassi di interesse superiori al tasso di crescita economica, le entrate incrementali generate dall’economia ogni anno diventano inferiori ai pagamenti di interessi sul debito e il debito inizia a crescere da solo”, ha Darrell Spence, economista dell’asset manager statunitense in una nota di ricerca.

Gli Stati Uniti erano ben lontani da questa situazione. Ma ora, tutto sta cambiando.

Spence ha avvertito che la crescita esponenziale del debito potrebbe costringere il governo ad aumentare le tasse, alimentare ulteriori svendite di obbligazioni e costringere la Federal Reserve a bloccare tassi di interesse più elevati.

“Ci si potrebbe anche aspettare una crescita economica più lenta, dato che la spesa pubblica dovrebbe essere reindirizzata al servizio del debito, ha aggiunto. Per gli investitori, ciò potrebbe portare a rendimenti del mercato azionario inferiori nel tempo, data la forte correlazione a lungo termine tra crescita del Pil e rendimenti di mercato.

Per tutti questi motivi, anche gli Usa navigano in acque agitate a livello economico.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Correlato

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo