Terza dose a 4 mesi, c’è una data: ecco quando si parte con il booster anticipato

Stefano Rizzuti

27 Dicembre 2021 - 11:57

condividi

Il commissario straordinario per l’emergenza coronavirus, Francesco Paolo Figliuolo, ha ufficializzato la data di avvio della dose booster anticipata a quattro mesi: ecco quando si parte.

Terza dose a 4 mesi, c'è una data: ecco quando si parte con il booster anticipato

La terza dose del vaccino anti-Covid potrà essere somministrata a quattro mesi di distanza dal completamento del ciclo primario a partire dal 10 gennaio. A ufficializzare la data è il commissario straordinario per l’emergenza coronavirus, Francesco Paolo Figliuolo.

L’avvio della somministrazione dei richiami - i cosiddetti booster - a quattro mesi (finora erano cinque) scatterà dal 10 gennaio. Figliuolo, in visita a un hub vaccinale di Cuneo, si dice convinto che questa decisione servirà a dare ulteriore impulso alla campagna con l’obiettivo di fermare la variante Omicron, sempre più diffusa in Italia.

La terza dose a 4 mesi dal 10 gennaio

La decisione di anticipare la terza dose a quattro mesi era già stata annunciata contestualmente all’approvazione del decreto Festività con il quale sono state introdotte le nuove restrizioni a partire dall’obbligo di mascherine all’aperto. Ora Figliuolo ha confermato che l’anticipo potrà scattare a partire dal 10 gennaio 2022. Per la somministrazione della dose booster, quindi, sarà sufficiente attendere quattro mesi - e non più cinque - dall’inoculazione del vaccino monodose o dalla seconda dose dei ciclo primario.

Il piano di Figliuolo contro la variante Omicron

Figliuolo parla inoltre, in un’intervista al Corriere della Sera, del piano per arginare i contagi da variante Omicron. La strategia è quella di incrementare le vaccinazioni e incentivare lo screening nelle scuole. Il primo obiettivo è quello di aumentare il numero di persone vaccinate e con il booster.

Per quanto riguarda le scuole saranno le Regioni a predisporre un dispositivo affidandosi poi ai laboratori militari per il supporto logistico e di personale. Inoltre al personale scolastico verranno distribuite mascherine Ffp2 grazie a uno stanziamento da 5 milioni di euro previsto dal governo.

Infine il piano di Figliuolo si basa anche su un terzo elemento: la speranza è che il nuovo vaccino in arrivo, Novavax, possa convincere gli indecisi. Di questo preparato arriveranno in Italia 2,9 milioni di dosi tra gennaio e febbraio ed essendo un “vaccino di tipo tradizionale”, il commissario spera che possa aiutare a “convincere chi è ancora esistente”.

Vaccino, la preoccupazione per gli indecisi

Il commissario non nasconde però la sua preoccupazione per i tanti indecisi, quelle persone che ancora non si sono vaccinate. Persone che, a suo avviso, potrebbero dare un’importante “mano per arginare il virus e queste varianti”.

In particolare Figliuolo fornisce alcuni numeri sulle persone non vaccinate: “Mi preoccupano ancora quei 5 milioni e 750mila italiani che non hanno avuto alcuna dose. Siamo quasi al 90% tra prime dosi e guarigioni da almeno sei mesi, però in quella fascia, specie tra i 30 e i 59 anni, ci sono ancora un po’ di milioni di persone che potrebbero essere raggiunte”.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO