Tegola Yemen sul petrolio: il greggio spinto dalla guerra in Medio Oriente

Violetta Silvestri

26 Marzo 2022 - 12:09

condividi

Prezzo del petrolio in balia di diversi conflitti, non solo in Ucraina. A spingere il greggio in questo fine di settimana è stata la guerra in Yemen.

Tegola Yemen sul petrolio: il greggio spinto dalla guerra in Medio Oriente

Il prezzo del petrolio ha chiuso la settimana in netto rialzo: le quotazioni di greggio sono aumentate di oltre l’1%, superando i 120 dollari al barile venerdì.

A spingere i futures il potenziale impatto di un attacco missilistico su un impianto di distribuzione di petrolio in Arabia Saudita, con un possibile rilascio di riserve petrolifere da parte degli Stati Uniti Stati.

Non solo la guerra in Ucraina con le conseguenti sanzioni contro l’energia russa stanno pressando al rialzo il petrolio; anche il fronte dello Yemen rischia di incidere sul costo del greggio.

Il prezzo del petrolio aumenta: il motivo è nello Yemen

Il petrolio ha invertito le sue perdite all’inizio della sessione di venerdì 25 marzo, quando i ribelli Houthi dello Yemen hanno rivendicato la responsabilità di una serie di attacchi agli impianti Saudi Aramco, incluso un sito di stoccaggio petrolifero a Gedda.

L’Arabia Saudita ha avvertito questa settimana che le forniture di greggio sono a rischio e ha invitato gli Stati Uniti a fare di più per contrastare gli attacchi dei ribelli sostenuti dall’Iran.

“È probabile che l’attacco alle strutture di Aramco causi alcune interruzioni operative a breve termine e potrebbe ridurre temporaneamente l’offerta saudita”, ha affermato Rohan Reddy, analista di ricerca presso Global X Management, un’azienda che gestisce $ 2 miliardi di asset legati all’energia.

“Le più ampie questioni geopolitiche che persistono nel Paese potrebbero portare a durevoli riduzioni dell’offerta ed esercitare pressioni al rialzo sui prezzi del petrolio, secondo l’esperto.

L’attacco arriva appena cinque giorni dopo che il gruppo Houthi ha lanciato missili e droni contro gli impianti sauditi di desalinizzazione dell’energia e dell’acqua, provocando un temporaneo calo della produzione in una raffineria. Per saperne di più

Con le scorte globali al minimo dal 2014, gli analisti hanno affermato che il mercato è rimasto vulnerabile a qualsiasi shock dell’offerta.

L’amministrazione Biden sta valutando un altro rilascio di petrolio dalla Strategic Petroleum Reserve che, se effettuato, potrebbe essere maggiore della vendita di 30 milioni di barili all’inizio di questo mese, ha affermato una fonte ripresa da Reuters.

Cosa sta muovendo il prezzo del greggio?

Il petrolio chiude in aumento la settimana, mentre la guerra in Ucraina continua a scuotere un mercato delle materie prime già ristretto.

Gli Stati Uniti e il Regno Unito si sono mossi per bloccare il petrolio russo in risposta all’invasione e anche molte compagnie energetiche stanno scegliendo di evitare il greggio della nazione.

Tuttavia, sembra che gli acquirenti in Cina e India stiano assorbendo alcuni di quei barili. La Russia ora punta a spedire la più grande quantità del suo greggio Urals di punta in quasi tre anni il prossimo mese.

La potenza industriale dell’UE, la Germania, ha affermato che prevede di svezzarsi rapidamente dai combustibili fossili russi, anche se ha avvertito che un embargo immediato non è possibile a causa dei danni che causerebbe alla più grande economia europea. Il compito sarà difficile, soprattutto senza diminuire la domanda della Germania allo stesso tempo.

Inoltre, diversi problemi per la produzione di greggio potrebbero palesarsi dal porto russo di Novorossiisk sul Mar Nero. Qui venerdì alcune le compagnie si sono viste costrette a ridurre la produzione dei grandi giacimenti petroliferi del Kazakistan, evidenziando i crescenti rischi per l’offerta globale dopo l’invasione russa dell’Ucraina.

Con più dell’80% del greggio kazako che viaggia attraverso l’oleodotto Caspian Pipeline Consortium (Cpc) al porto di Novorossiisk, e fornisce l’1,2% della domanda globale di greggio, un suo stop rischia di essere drammatico.

La chiusura in settimana di due dei tre ormeggi del terminal Cpc per maltempo, ha creato problemi, anche se nella giornata di venerdì sono riprese parzialmente le esportazioni.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.