Superbonus villette, come provare il 30% dei lavori entro la scadenza del 30 settembre

Rosaria Imparato

27 Settembre 2022 - 15:57

condividi

Superbonus villette, entro la scadenza del 30 settembre va provato di aver fatto il 30% dei lavori. Servono documenti, foto e autocertificazione: la procedura da seguire.

Superbonus villette, come provare il 30% dei lavori entro la scadenza del 30 settembre

La scadenza del 30 settembre è fondamentale per chi ha una villetta: bisogna dimostrare di aver effettuato i lavori rientranti nel superbonus 110%, certificando di essere arrivati al 30% degli interventi previsti.

Ma come si prova di aver effettuato il 30% dei lavori? A pochi giorni dalla scadenza arrivano le indicazioni operative della Commissione di monitoraggio del Consiglio superiore dei lavori pubblici. Il principio di base è che non basta autocertificare di aver raggiunto la soglia prestabilita dei lavori, ma bisogna produrre una serie di documenti (dalle foto alle fatture) da inviare con pec o raccomandata.

Bisogna, quindi, seguire una procedura precisa. È fondamentale essere precisi: chi non prova di aver effettuato il 30% dei lavori entro la scadenza del 30 settembre potrà portare in detrazione solo le spese sostenute fino al 30 giugno, e non fino al 30 dicembre 2022.

Superbonus villette: come provare il 30% dei lavori effettuati? Documenti da inviare entro il 30 settembre

Per provare di aver effettuato il 30% dei lavori e avere quindi diritto alla detrazione del 110% il direttore dei lavori dovrà redigere una dichiarazione basata su idonea documentazione probatoria. Per esempio, spiega la Commissione di monitoraggio, possono essere usati:

  • il libretto delle misure;
  • lo stato d’avanzamento lavori;
  • il rilievo fotografico della consistenza dei lavori;
  • copia di bolle e/o fatture.

Questi documenti vanno allegati alla dichiarazione del direttore dei lavori, e va esibita in caso di richiesta da parte degli organi di controllo. La Commissione poi raccomanda di occuparsi della redazione della dichiarazione appena acquisiti i documenti e terminate le verifiche necessarie.

Infine, la dichiarazione e i documenti vanno inviati tramite pec o raccomandata al committente e all’impresa.

Superbonus unifamiliari: come si calcola il 30% dei lavori effettuati?

Per capire come si calcola il 30% dei lavori effettuati, le indicazioni della Commissione di monitoraggio richiamano la formulazione dell’articolo 119 del decreto Rilancio e la risposta all’interpello n. 791 dell’Agenzia delle Entrate, pubblicata il 24 novembre 2021. Il documento dell’Amministrazione Finanziaria conferma che si fa riferimento a tutte le lavorazioni e non solo a quelle oggetto di agevolazione.

Risposta AdE all’interpello n. 791 del 24 novembre 2021
Superbonus - criteri per il raggiungimento della percentuale del 60% dei lavori di cui al comma 8-bis dell’articolo 119 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34.

In termini pratici, significa che nel conteggio del 30% si fa riferimento a tutti i lavori: non solo quelli che fanno parte del superbonus 110%, ma anche quelli extra. Di solito, però, i lavori rientranti nel 110% vengono realizzati per primi: vengono effettuate varie simulazioni, che variano di caso in caso.

Iscriviti a Money.it