Spese sanitarie e dichiarazione dei redditi 2020, nuovi soggetti obbligati alla trasmissione

Il decreto del Ministero dell’Economia pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 4 dicembre 2019 ha esteso l’obbligo di trasmissione delle spese sanitarie a nuovi soggetti. La novità riguarda gli iscritti agli albi di professioni sanitarie come il tecnico ortopedico, il podologo, il logopedista e il dietista.

Spese sanitarie e dichiarazione dei redditi 2020, nuovi soggetti obbligati alla trasmissione

Spese sanitarie, sono stati individuati nuovi soggetti obbligati a trasmettere i dati per la dichiarazione dei redditi.

È stato il decreto del Ministero dell’Economia del 22 novembre 2019, pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 4 dicembre, a individuare la nuova platea.

La novità entra in vigore dal 2020, quindi i nuovi soggetti obbligati dovranno inviare al Sistema Tessera Sanitaria i dati relativi alle spese mediche effettuate dal 1° gennaio 2019 per l’elaborazione del modello 730 precompilato da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Il nuovo obbligo interessa gli iscritti agli albi di diverse professioni sanitarie, come il tecnico di laboratorio biomedico, il tecnico audiometrista, il tecnico ortopedico, il podologo, il logopedista, l’educatore professionale.

Vediamo quali sono le categorie di appartenenti alle professioni sanitarie interessati dal nuovo obbligo a partire dal prossimo anno.

Spese sanitarie e dichiarazione dei redditi 2020, nuovi soggetti obbligati alla trasmissione

Con il decreto del 22 novembre 2019, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 4 dicembre, il Ministero dell’Economia estende a nuovi soggetti l’obbligo di trasmissione delle spese sanitarie.

Così facendo l’Agenzia delle Entrate potrà contare su un numero maggiore di dati ai fini dell’elaborazione del modello 730 precompilato.

La novità entra in vigore nel 2020, quindi le categorie interessate dovranno trasmettere le spese sanitarie detraibili effettuate a partire dal 1° gennaio 2019.

A essere interessati dal nuovo obbligo sono gli iscritti agli albi della professione sanitaria di:

  • tecnico sanitario di laboratorio biomedico;
  • tecnico audiometrista;
  • tecnico audioprotesista;
  • tecnico ortopedico;
  • dietista;
  • tecnico di neurofisiopatologia;
  • tecnico fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare;
  • igienista dentale;
  • fisioterapista;
  • logopedista;
  • podologo;
  • ortottista e assistente di oftalmologia;
  • terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva;
  • tecnico della riabilitazione psichiatrica;
  • terapista occupazionale;
  • educatore professionale;
  • tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro;
  • assistente sanitario;
  • biologi.

Trasmissione delle spese sanitarie per la dichiarazione dei redditi 2020

Il decreto del 22 novembre 2019 del Ministero dell’Economia non ha modificato le modalità di trasmissione delle spese sanitarie all’Agenzia delle Entrate.

Va sempre utilizzato il Sistema Tessera Sanitaria e la trasmissione avviene in modo telematico.

L’Agenzia delle Entrate, sentito il Garante per la privacy, emanerà un provvedimento per stabilire le modalità tecniche di utilizzo dei dati trasmessi nel rispetto dei dati personali.

I dati da trasmettere al Sistema Tessera Sanitario riguardano le ricevute di pagamento, gli scontrini fiscali e gli eventuali rimborsi relativi alle spese mediche e veterinarie sostenute dal 1° gennaio 2019.

La scadenza per trasmettere tali dati è il 31 gennaio 2020.

Al fine di rispettare il nuovo obbligo, la Federazione nazionale degli ordini dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione e l’ordine dei biologi dovranno rendere disponibile al Sistema Tessera Sanitaria l’elenco dei soggetti iscritti.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories