SpaceX, esplode il razzo di Elon Musk destinato a Marte (VIDEO)

Martino Grassi

4 Marzo 2021 - 10:34

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Un razzo di SpaceX di Elon Musk, destinato ad andare su Marte, è esploso poco dopo il suo atterraggio. Ecco il video della conflagrazione.

SpaceX, esplode il razzo di Elon Musk destinato a Marte (VIDEO)

Un prototipo di un razzo di SpaceX di Elon Musk, destinato a raggiungere Marte in futuro, è esploso nella sua fase di atterraggio. Il missile aveva effettuato un volo di prova durante lo scorso mercoledì 3 marzo nel cielo di Boca Chica, in Texas.

Il razzo, dopo il suo lancio, aveva raggiunto il punto di atterraggio prefissato, ma dopo 3 minuti dal momento in cui aveva raggiunto terra, sono scaturite le fiamme e il velivolo è esploso, come dimostrato da diversi video. Ancora non si conoscono le cause che hanno fatto esplodere il razzo.

SpaceX, esplode il razzo di Elon Musk destinato a Marte

Il prototipo di un razzo di Elon Musk, chiamato SN10, è esploso dopo il suo atterraggio. Il velivolo era decollato poco prima delle 11:20 GMT in Texas imitando due precedenti voli di prova e raggiungendo un altezza di circa 10 chilometri. Una volta tornato a terra, l’ingegnere di SpaceX, John Insprucker, aveva esultato dopo il primo atterraggio di successo, affermando che: “Abbiamo avuto un tocco morbido di successo sulla piattaforma di atterraggio. Questo è il coronamento di un bellissimo volo di prova della Starship 10”.

Pochi minuti dopo però è avvenuta l’esplosione, ma ancora non è chiaro da cosa sia stata causata, dal momento che il livestream di SpaceX è stato interrotto prima della conflagrazione. Questa non si tratta del primo insuccesso di Elon Musk, già durante dei precedenti voli di prova, avvenuti a dicembre e febbraio, altri due prototipo, il SN8 e il SN9, si erano schiantati durante la fase di atterraggio.

Nel prossimo futuro, Elon Musk ha intenzione di mandare questi razzi su Marte, tuttavia i velivoli potrebbero essere utilizzato, almeno inizialmente, per viaggi più brevi e ravvicinati, come ad esempio sulla Luna. L’obiettivo principale del lancio era quello di raccogliere i dati sul controllo del veicolo durante il rientro. E ci siamo riusciti”, ha detto Insprucker.

I precedenti lanci di SpaceX

Già negli scorsi mesi SpaceX aveva effettuato una serie di lanci, l’ultimo avvenuto lo scorso febbraio. Anche il quel caso, come anche per il lancio del razzo precedente, si era verificata un’esplosione causata dal mancato atterraggio. Trattandosi di prototipi, infatti, è molto frequente che nelle fasi iniziali di sperimentazione si verifichino queste situazioni.

Dopo l’accaduto la Federal Aviation Administration (FAA) aveva aperto un’inchiesta, concludendo che: “Il veicolo SN9 ha fallito entro i limiti dell’analisi di sicurezza della FAA. Il suo atterraggio senza successo e la sua esplosione non hanno messo in pericolo il pubblico o le proprietà. Tutti i detriti erano contenuti all’interno dell’area di pericolo designata. La FAA ha approvato il rapporto finale dell’incidente, comprese le probabili cause e le azioni correttive”.

Argomenti

# Spazio
# SpaceX

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO