Sorpresa Europa: l’economia cresce, recessione più lontana?

Violetta Silvestri

24 Gennaio 2023 - 11:30

condividi

I dati preliminari sui Pmi in Eurozona hanno dato speranza per un clima più ottimista: la recessione può davvero essere evitata e la crescita può ripartire. Ma non mancano segnali di allerta.

Sorpresa Europa: l'economia cresce, recessione più lontana?

L’attività nell’Eurozona è tornata inaspettatamente a crescere per la prima volta da giugno, secondo un’indagine che potrebbe rafforzare la volontà della Bce di alzare i tassi.

Una varietà di fattori, tra cui il rallentamento dell’inflazione, un inverno più caldo del solito in un’Europa a corto di energia e un allentamento dei vincoli della catena di approvvigionamento stanno alimentando l’ottimismo nella zona valutaria dei 20 membri.

Mentre il consolidamento dell’economia si aggiunge alla prova che la regione potrebbe sfuggire a una recessione, “la regione non è ancora fuori pericolo”, ha affermato Chris Williamson, chief business economist di S&P Global Market Intelligence.

Buone notizie per l’Eurozona con i nuovi dati

L’indice flash (preliminare) dei responsabili degli acquisti compositi della zona euro di S&P Global, una misura dell’attività nel settore manifatturiero e dei servizi, è salito a 50,2 a gennaio da 49,3 nel mese precedente, secondo i dati di martedì 24 gennaio.

Il rialzo, il terzo rialzo mensile consecutivo dal minimo toccato ad ottobre, è stato superiore ai 49,8 previsti dagli economisti interpellati da Reuters. Si è posto anche sopra il valore di 50, il che indica che la maggior parte delle imprese ha segnalato un’espansione rispetto al mese precedente.

Segno che stanno diventando più ottimiste, le aziende hanno aumentato l’organico a un ritmo più veloce questo mese. L’indice di occupazione è salito al massimo su tre mesi a 52,5 da 51,9 di dicembre.

Anche il Pmi che copre l’indice dei servizi del blocco ha sorpreso al rialzo, arrivando a un massimo di sei mesi a 50,7. Era a 49,8 a dicembre e il sondaggio Reuters prevedeva 50,2.

Nonostante i consumatori debbano far fronte a bollette elevate, la domanda è diminuita, ma solo leggermente.

Gli indici principali osservati (composito, servizi, manifatturiero), hanno tutti accentuato un cambio di rotta da ottobre, come chiarito dal grafico elaborato da FT:

Pmi preliminari Eurozona gennaio 2023 Pmi preliminari Eurozona gennaio 2023 C'è la crescita nei tre indici

I timori per l’energia si sono attenuati, poiché i prezzi sono scesi, aiutati dalla generosa assistenza dei governi e da stoccaggi forniti. Anche lo stress della catena di approvvigionamento è diminuito mentre la riapertura dell’economia cinese ha contribuito a ripristinare la fiducia nelle più ampie prospettive economiche globali per il 2023.

L’Europa è davvero fuori pericolo? Cosa osservare

I dati non sono tutti positivi. Innanzitutto, le letture pubblicate in precedenza per le due maggiori economie dell’area dell’euro, Germania e Francia, erano ancora inferiori a 50.

Inoltre, la domanda continua a diminuire, seppure a un tasso ridotto, e un aumento del tasso di inflazione dei prezzi di vendita di beni e servizi incoraggerà i falchi a spingere per un ulteriore inasprimento della politica monetaria, ha messo in evidenza Chris Williamson.

Non solo, la richiesta di tassi di interesse più elevati è ulteriormente alimentata dalla ripresa della crescita dell’occupazione registrata durante il mese e dai segnali di aumento dei salari che guidano l’ultima ripresa delle pressioni sui prezzi, ha affermato il chief business economist di S&P Global Market Intelligence.

La Banca centrale europea ha già aumentato i tassi di interesse di 250 punti base ed è pronta per un altro rialzo di mezzo punto la prossima settimana. La svolta falco di Francoforte comincia a essere temuta per la crescita in tutta l’Europa.

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO