Si riaccende la guerra del gas tra Russia ed Europa: l’Ue rischia di dividersi

Violetta Silvestri

26 Luglio 2022 - 08:31

condividi

Alta tensione tra Russia ed Europa sulle forniture di gas. Con Gazprom che si appresta a ridurre i flussi, l’Ue non solo teme per la sicurezza energetica, ma anche per la tenuta politica.

Si riaccende la guerra del gas tra Russia ed Europa: l'Ue rischia di dividersi

La giornata si apre con la notizia, in parte attesa, che la Russia da mercoledì taglierà le forniture di gas all’Europa in un duro colpo ai Paesi che sostengono l’Ucraina.

Gazprom ha affermato che i flussi verso la Germania attraverso il gasdotto Nord Stream 1 sarebbero scesi a 33 milioni di metri cubi al giorno dal 27 luglio. Questa è la metà delle forniture attuali, che sono già solo il 40% della capacità normale. Prima della guerra, l’Europa importava circa il 40% del suo gas e il 30% del suo petrolio dalla Russia.

Il Cremlino ribadisce che l’interruzione del gas è il risultato di problemi di manutenzione e sanzioni occidentali, mentre l’Unione Europea accusa la Russia di ricatto energetico.

Intanto, per evitare il peggio, i 27 Paesi Ue devono decidere misure straordinarie sulla sicurezza energetica. Ma un accordo unanime è lontano e oltre al danno economico si rischia l’indebolimento politico.

La guerra del gas minaccia sempre di più la solidità europea

Si riaccende la questione energetica e la tensione sale.

I politici in Europa hanno ripetutamente affermato che la Russia potrebbe interrompere la fornitura di gas questo inverno, un passo che spingerebbe la Germania in recessione e danneggerebbe i consumatori già colpiti dall’impennata dell’inflazione.

Mosca afferma di non essere interessata a un’interruzione completa delle forniture di gas all’Europa. Aggiungendo alle preoccupazioni sul fronte energetico, la società ucraina operatore di gasdotti statali ha affermato che Gazprom, senza preavviso, ha aumentato notevolmente la pressione in un gasdotto che attraversa l’Ucraina per fornire gas russo all’Europa. Tali picchi di pressione potrebbero portare a emergenze, tra cui la rottura dei gasdotti.

Intanto, i Paesi dell’Unione Europea sono destinati a litigare sulla regolamentazione di emergenza che potrebbe costringere a tagli del 15% al ​​consumo di gas durante l’inverno, se la Russia intensificherà la sua resa dei conti con il blocco interrompendo le consegne. Molti Stati sono scettici sul rendere vincolante l’obiettivo volontario, evidenziando preoccupazioni per il potenziale impatto sulle aziende e sui consumatori locali.

Non è accettabile costringere “gli Stati membri ad accettare riduzioni obbligatorie senza sapere cosa porterà il prossimo inverno e senza che i loro interessi siano assicurati”, ha affermato Anna Moskwa, ministro del clima polacco, che può vantare impianti di stoccaggio del gas quasi al completo. “La Polonia è pronta per un altro inverno” e non ha bisogno di introdurre riduzioni di consumo per le famiglie e l’industria.

Anche altri Paesi, tra cui Italia, Ungheria, Portogallo e Spagna, hanno espresso preoccupazione per gli obiettivi di riduzione.

Intanto, i prezzi del gas sono aumentati di oltre il 10% in seguito alla decisione di Gazprom di ridurre ulteriormente i flussi di Nord Stream 1. La scorsa settimana la Commissione ha affermato che il taglio del gas russo a luglio significherebbe che le scorte dell’Ue sarebbero piene dal 65% al ​​71% all’inizio di novembre, al di sotto dell’obiettivo dell’80%. Anche ricostituire le riserve la prossima estate potrebbe essere difficile, con le scorte nell’ottobre 2023 che potrebbero essere piene a metà, secondo le simulazioni.

Allo stesso modo, un arresto delle forniture di gas russo potrebbe potenzialmente ridurre il suo prodotto interno lordo fino all’1,5% con lo scenario di un inverno freddo.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.