Settimana di caos nei mercati: il peggio deve ancora arrivare?

Violetta Silvestri

7 Maggio 2022 - 11:37

condividi

I pesanti selloff nei mercati di questa settimana hanno oscurato le previsioni di guadagni degli investitori: tra inflazione, Fed e obbligazioni dai rendimenti sempre più alti, il peggio è passato?

Settimana di caos nei mercati: il peggio deve ancora arrivare?

I mercati chiudono una settimana all’insegna della turbolenza.

Le azioni statunitensi hanno subito la peggiore serie di perdite settimanali in più di un decennio dopo giorni di scambi nervosi in seguito alla decisione della Federal Reserve di aumentare i tassi di interesse di mezzo punto percentuale.

Il Nasdaq Composite, riferimento dei titoli tecnologici sensibili ai tassi di interesse, venerdì è scivolato dell’1,4% mentre l’S&P 500 è sceso dello 0,6%. I rendimenti dei titoli del Tesoro di riferimento che sostengono i costi finanziari in tutto il mondo sono aumentati.

Il pesante selloff che si è palesato, però, potrebbe non essersi esaurito. Secondo alcuni analisti, è probabile che le azioni rimarranno volatili, poiché gli investitori attendono nuovi dati sull’inflazione e osservano l’andamento dei rendimenti obbligazionari.

Mercati in tumulto: cosa è successo nella settimana

Settimana altalenante per le Borse e gli investitori.
Il trading è stato caratterizzato da forti rialzi in alcuni giorni, ma da vendite ancora più marcate in altri, poiché gli investitori perplessi hanno cercato di posizionarsi per la fine delle politiche accomodanti abbracciate dalle banche centrali durante i primi due anni della pandemia.

I movimenti del mercato azionario hanno significato che S&P 500 e Nasdaq, per esempio, hanno perso terreno in modo pesante, segnando ciascuno la quinta settimana consecutiva di ribassi. Ciò rappresenta la peggiore serie da giugno 2011 per l’S&P 500 e novembre 2012 per il Nasdaq, quando i mercati sono stati colpiti dalla crisi del debito dell’Eurozona e dalle conseguenze del crollo finanziario globale.

Gli investitori inizialmente hanno reagito con sollievo quando la Fed ha alzato il suo tasso di interesse principale di 0,5 punti percentuali, il primo aumento di tale portata in più di due decenni. Ciò era in parte dovuto al fatto che il presidente Powell sembrava escludere un rialzo ancora maggiore di 0,75 punti percentuali.

Ma la risposta iniziale è stata seguita da due giorni di vendite pesanti. Analisti e investitori hanno offerto molteplici teorie per le brusche rotazioni, ma l’umore principale era quello del disorientamento.

“C’è un’enorme confusione nei mercati”, ha affermato Kristina Hooper, chief global market strategist di Invesco.

Stuart Kaiser di UBS ha notato che la flessione è stata sconcertante, aggiungendo che il suo team “ha trovato un feedback poco coerente da parte degli investitori”.

Alcuni hanno indicato la decisione della Banca d’Inghilterra di aumentare i tassi di interesse giovedì mattina, prevedendo anche che una recessione fosse in arrivo, una prospettiva cupa che ha fatto salire i rendimenti dei titoli di Stato.

Con i rendimenti dei Treasury in aumento all’apertura dei mercati azionari negli Stati Uniti giovedì mattina, le azioni si sono mosse al ribasso e le società ritenute particolarmente sensibili ai tassi più alti sono state colpite particolarmente duramente.

Quando il rendimento a 10 anni ha superato il 3%, i banchieri hanno affermato che alcuni commercianti di mutui hanno iniziato a scaricare le obbligazioni, esacerbando la vendita. I timori di un’inflazione più sostenuta e tassi elevati hanno spinto il selloff, ha affermato il capo dei mercati di una grande banca statunitense.

Non solo, i dati sui salari Usa, ancora in aumento, hanno aggravato le preoccupazioni per l’inflazione persistente, contribuendo a spingere i rendimenti dei Treasury fino al 3,1% e trascinando le azioni al ribasso. L’indice del dollaro, che replica la valuta statunitense contro altre sei, ha toccato un nuovo massimo da 20 anni venerdì.

Cosa può accadere ai mercati: il peggio deve ancora arrivare?

Dinanzi a uno scenario tanto complesso quanto incerto, si intensificano le previsioni su come i principali indici azionari e gli investitori si muoveranno.

“Se le persone capiscono che l’inflazione sta raggiungendo il picco e si potrebbe sostenere che il rendimento a 10 anni non raggiungerà necessariamente il picco, ma smetterà di diventare parabolico... questo è ciò che potrebbe indurre il pubblico a rallentare le vendite”, ha affermato Julian Emanuel , responsabile del settore azionario, derivati ​​e strategia quantitativa presso Evercore ISI.

Alcuni analisti tecnici hanno affermato che le azioni potrebbero subire un altro calo se l’S&P torna al minimo di lunedì di 4.062 e rimane lì.

Scott Redler, partner di T3Live.com, ha puntato a 3.850 sull’S&P come prossimo stop al ribasso, se l’indice rompe il minimo di lunedì.

“A partire da ora, sembra che tutti i rally in cui puoi ottenere un rimbalzo di ipervenduto siano stati venduti”, ha detto. “Penso che le notizie del fine settimana giocheranno un fattore determinante per l’apertura emotiva di lunedì”.

Potrebbero esserci novità sull’Ucraina, dato che è il Giorno della Vittoria in Russia, e dovrebbe parlare il presidente russo Vladimir Putin.

Redler ha affermato che Microsoft e Apple potrebbero avere un grande impatto sul trading la prossima settimana. Se Apple rompesse il supporto a circa $150 e Microsoft a $270, un livello che ha mantenuto, i due titoli più grandi potrebbero portare l’S&P 500 sotto 4.000.

“Quando guardiamo al selloff che abbiamo visto non solo nell’ultima settimana ma nelle ultime due settimane...Stiamo finalmente arrivando al punto in cui tutto è in vendita, indipendentemente dalla qualità dei guadagni. E questo in genere è ciò che accade verso la fine di un selloff, non l’inizio”, ha affermato Art Hogan, chief market strategist di National Securities.

Il peggio è passato o deve ancora compiersi per i mercati?

Argomenti

# Borse
# azioni

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.